A “lezione di legalità”
pubbl.: 27 Ottobre 2014 - Ufficio Stampa

I ragazzi delle scuole correggesi hanno incontrato, sabato 25 ottobre, il giudice Mario Conte e il giornalista Flavio Tranquillo, autori del libro “I dieci passi – Piccolo breviario sulla legalità”.
La giornata ha rappresentato anche l’occasione per il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi, di anticipare il progetto “Costituzione e legalità” che lunedì verrà sottoposto dall’amministrazione comunale ai vari dirigenti scolastici degli istituti superiori di Correggio. Grazie infatti alla collaborazione con l’associazione Caracò e Rosa Frammartino, curatrice del festival “Noi contro le mafie”, il progetto, interamente sostenuto dall’amministrazione comunale, proporrà a insegnanti e ragazzi un percorso di incontri e approfondimenti sul tema della legalità, intesa nel senso più ampio del termine.
“La legalità è un argomento che può essere declinato in mille modi”, conferma il sindaco presentando l’iniziativa, “perché chiama in causa la responsabilità individuale e quella collettiva nella miriade di azioni quotidiane e di scelte che ognuno di noi si trova a compiere. Il nostro impegno come amministratori, che ci siamo assunti fin dal momento del nostro insediamento, è proprio quello di sollecitare la partecipazione e la discussione riguardo alla buona cittadinanza, partendo dalle scuole e affrontando argomenti, come per esempio il bullismo, che hanno a che fare con la prevaricazione di chi si sente più forte a discapito del senso civico. Il discorso sulla legalità parte dalla conoscenza dei meccanismi di omertà e di silenzio sui quali prosperano le mafie, ma arriva direttamente al senso civico di ognuno di noi. Insomma, il passaggio dalla richiesta del pizzo al sopruso verso chi è considerato più debole o diverso è molto più breve di quanto comunemente si creda. Per questo ci piacerebbe anche costruire, insieme a insegnanti, famiglie ed educatori, una ‘biblioteca della legalità’ in ogni scuola, fatta di testi, libri, film che educhino e siano di stimolo alla presa di coscienza da parte dei ragazzi”.
È stato proprio il tema del bullismo ad essere affrontato nell’incontro che Conte e Tranquillo, introdotti dal caporedattore di Radio Bruno, Pierluigi Senatore, hanno avuto con i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado (scuole medie) e che, grazie anche a interventi e testimonianze dirette degli stessi ragazzi, ha dato vita e sostanza ad un vero dialogo tra le parti,  così come auspicato dai due ospiti.
Con gli studenti delle scuole superiori, il discorso si è invece spostato sull’importanza della “cittadinanza attiva” che contrasta la “cittadinanza passiva”, ovvero la rassegnazione che offre fiato e gambe a dinamiche di illegalità. In particolare è stato affrontato il tema del pizzo, partendo da un dato allarmante: secondo gli ultimi numeri resi noti dall’Osservatorio Nazionale sulle mafie, anche nel territorio di Reggio Emilia circa l’8% delle attività commerciali è soggetta a estorsione, generando così parte di quei circa 150 miliardi di euro che ogni anno la criminalità organizzata sottrae allo Stato e all’intera cittadinanza.
“Eppure”, ha sottolineato il giudice Mario Conte illustrando ai ragazzi la vicenda dell’associazione “Addio pizzo”, “per uscire da un circuito di illegalità, a volte è sufficiente prendere coscienza di quanto ci sta intorno, essere vigili su dinamiche che ci appaiono poco chiare, non tacere, interrogarsi, far sentire la propria voce, non essere passivi”.
“La criminalità organizzata va costantemente alla ricerca del consenso”, ha spiegato Flavio Tranquillo. “Tanto che ogni giorno si sente qualcuno dire che le mafie, in fondo, danno lavoro dove lavoro non c’è. Non c’è bugia più colossale di questa. Basta rendersi conto di quanto un territorio appaia defraudato e impoverito, da ogni punto di vista, quando è controllato dalle organizzazioni mafiose”.

CorreggioProssim@mente


Newsletter del Comune di Correggio

TWEET

A “lezione di legalità”
pubbl.: 27 Ottobre 2014 - Ufficio Stampa

I ragazzi delle scuole correggesi hanno incontrato, sabato 25 ottobre, il giudice Mario Conte e il giornalista Flavio Tranquillo, autori del libro “I dieci passi – Piccolo breviario sulla legalità”.
La giornata ha rappresentato anche l’occasione per il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi, di anticipare il progetto “Costituzione e legalità” che lunedì verrà sottoposto dall’amministrazione comunale ai vari dirigenti scolastici degli istituti superiori di Correggio. Grazie infatti alla collaborazione con l’associazione Caracò e Rosa Frammartino, curatrice del festival “Noi contro le mafie”, il progetto, interamente sostenuto dall’amministrazione comunale, proporrà a insegnanti e ragazzi un percorso di incontri e approfondimenti sul tema della legalità, intesa nel senso più ampio del termine.
“La legalità è un argomento che può essere declinato in mille modi”, conferma il sindaco presentando l’iniziativa, “perché chiama in causa la responsabilità individuale e quella collettiva nella miriade di azioni quotidiane e di scelte che ognuno di noi si trova a compiere. Il nostro impegno come amministratori, che ci siamo assunti fin dal momento del nostro insediamento, è proprio quello di sollecitare la partecipazione e la discussione riguardo alla buona cittadinanza, partendo dalle scuole e affrontando argomenti, come per esempio il bullismo, che hanno a che fare con la prevaricazione di chi si sente più forte a discapito del senso civico. Il discorso sulla legalità parte dalla conoscenza dei meccanismi di omertà e di silenzio sui quali prosperano le mafie, ma arriva direttamente al senso civico di ognuno di noi. Insomma, il passaggio dalla richiesta del pizzo al sopruso verso chi è considerato più debole o diverso è molto più breve di quanto comunemente si creda. Per questo ci piacerebbe anche costruire, insieme a insegnanti, famiglie ed educatori, una ‘biblioteca della legalità’ in ogni scuola, fatta di testi, libri, film che educhino e siano di stimolo alla presa di coscienza da parte dei ragazzi”.
È stato proprio il tema del bullismo ad essere affrontato nell’incontro che Conte e Tranquillo, introdotti dal caporedattore di Radio Bruno, Pierluigi Senatore, hanno avuto con i ragazzi delle scuole secondarie di primo grado (scuole medie) e che, grazie anche a interventi e testimonianze dirette degli stessi ragazzi, ha dato vita e sostanza ad un vero dialogo tra le parti,  così come auspicato dai due ospiti.
Con gli studenti delle scuole superiori, il discorso si è invece spostato sull’importanza della “cittadinanza attiva” che contrasta la “cittadinanza passiva”, ovvero la rassegnazione che offre fiato e gambe a dinamiche di illegalità. In particolare è stato affrontato il tema del pizzo, partendo da un dato allarmante: secondo gli ultimi numeri resi noti dall’Osservatorio Nazionale sulle mafie, anche nel territorio di Reggio Emilia circa l’8% delle attività commerciali è soggetta a estorsione, generando così parte di quei circa 150 miliardi di euro che ogni anno la criminalità organizzata sottrae allo Stato e all’intera cittadinanza.
“Eppure”, ha sottolineato il giudice Mario Conte illustrando ai ragazzi la vicenda dell’associazione “Addio pizzo”, “per uscire da un circuito di illegalità, a volte è sufficiente prendere coscienza di quanto ci sta intorno, essere vigili su dinamiche che ci appaiono poco chiare, non tacere, interrogarsi, far sentire la propria voce, non essere passivi”.
“La criminalità organizzata va costantemente alla ricerca del consenso”, ha spiegato Flavio Tranquillo. “Tanto che ogni giorno si sente qualcuno dire che le mafie, in fondo, danno lavoro dove lavoro non c’è. Non c’è bugia più colossale di questa. Basta rendersi conto di quanto un territorio appaia defraudato e impoverito, da ogni punto di vista, quando è controllato dalle organizzazioni mafiose”.

CorreggioProssim@mente


Newsletter del Comune di Correggio

TWEET