“Aldiqua-Aldilà: come il cinema ha rappresentato la vita e immaginato l’oltrevita”
pubbl.: 7 Febbraio 2012 - Ufficio Stampa

Si intitola “Aldiqua – Aldilà. Come il cinema ha rappresentato la vita e immaginato l’oltrevita” il corso di cinema promosso a Correggio dall’associazione “Cinecomio”, patrocinato dal Comune di Correggio, e tenuto dal prof. Bruno Fornara, critico cinematografico di “Cineforum” e docente di cinema alla “Scuola Holden” di Torino.
Le lezioni si svolgono venerdì 17 febbraio, ore 20,30, sabato 18, ore 15,30, e domenica 19, ore 9,30, alla sala Cine+ di Correggio.
“Che ci sia o che non ci sia un qualche aldilà è questione ininfluente al cinema”, spiegano gli organizzatori. “Il fatto è che moltissimi racconti e film introducono questi argomenti nei loro percorsi: e quindi i film li mettono anche in immagini. Ugualmente difficile e problematico è, al cinema come anche in letteratura, in musica, nelle arti visive, pensare e rappresentare il momento del passaggio. André Bazin, il più grande critico e teorico del cinema, diceva che due cose sono irrappresentabili al cinema: il godimento sessuale e la fine, la morte. Aldilà e fine sembrano al di fuori della nostra portata visiva e mentale. Eppure molti registi hanno voluto provarci: pensiamo a Frank Capra, Michael Powell e Emeric Pressburger, Mizoguchi, Dreyer, Ophuls, John Ford, Lubitsch, Kubrick, fino a Manoel de Oliveira”.
L’iscrizione alle tre lezioni di Fornara costa 23 euro (18 euro per i soci di “Cinecomio”). La singola lezione 9 euro (7 euro per i soci).
Per info e iscrizioni: cinecomio.blogspot.com

CorreggioProssim@mente


Newsletter del Comune di Correggio

TWEET

“Aldiqua-Aldilà: come il cinema ha rappresentato la vita e immaginato l’oltrevita”
pubbl.: 7 Febbraio 2012 - Ufficio Stampa

Si intitola “Aldiqua – Aldilà. Come il cinema ha rappresentato la vita e immaginato l’oltrevita” il corso di cinema promosso a Correggio dall’associazione “Cinecomio”, patrocinato dal Comune di Correggio, e tenuto dal prof. Bruno Fornara, critico cinematografico di “Cineforum” e docente di cinema alla “Scuola Holden” di Torino.
Le lezioni si svolgono venerdì 17 febbraio, ore 20,30, sabato 18, ore 15,30, e domenica 19, ore 9,30, alla sala Cine+ di Correggio.
“Che ci sia o che non ci sia un qualche aldilà è questione ininfluente al cinema”, spiegano gli organizzatori. “Il fatto è che moltissimi racconti e film introducono questi argomenti nei loro percorsi: e quindi i film li mettono anche in immagini. Ugualmente difficile e problematico è, al cinema come anche in letteratura, in musica, nelle arti visive, pensare e rappresentare il momento del passaggio. André Bazin, il più grande critico e teorico del cinema, diceva che due cose sono irrappresentabili al cinema: il godimento sessuale e la fine, la morte. Aldilà e fine sembrano al di fuori della nostra portata visiva e mentale. Eppure molti registi hanno voluto provarci: pensiamo a Frank Capra, Michael Powell e Emeric Pressburger, Mizoguchi, Dreyer, Ophuls, John Ford, Lubitsch, Kubrick, fino a Manoel de Oliveira”.
L’iscrizione alle tre lezioni di Fornara costa 23 euro (18 euro per i soci di “Cinecomio”). La singola lezione 9 euro (7 euro per i soci).
Per info e iscrizioni: cinecomio.blogspot.com

CorreggioProssim@mente


Newsletter del Comune di Correggio

TWEET