“Chi ricerca… ritrova”: una giornata con Maurizio Scaltriti
pubbl.: 21 Settembre 2018 - Ufficio Stampa

“Chi ricerca… ritrova”: una giornata a Correggio con Maurizio Scaltriti, professore associato al “Memorial Sloan Kettering Cancer Center” .

Chi ricerca… ritrova” è il titolo dell’iniziativa, promossa dal Comune di Correggio in collaborazione con il centro culturale Lucio Lombardo Radice, che si svolge lunedì 24 settembre e che vede come relatore e ospite d’eccezione il dottor Maurizio Scaltriti, correggese, professore associato al “Memorial Sloan Kettering Cancer Center” di New York. Due gli appuntamenti previsti: al mattino, al centro sociale 25 Aprile, l’incontro con gli studenti delle scuole superiori, come iniziativa per l’inaugurazione dell’anno scolastico; alla sera, alle ore 21, a Palazzo dei Principi, nella sala conferenze “A. Recordati”, l’incontro sarà aperto dall’introduzione del sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi, e da Massimo Costantini, direttore dell’IRCCS di Reggio Emilia; a seguire la lectio magistralis di Maurizio Sclatriti e la “question time”, con le domande e le curiosità del pubblico. Conduce la serata, Liviana Iotti.
“Pensiamo sia molto importante dedicare una giornata sull’importanza della ricerca scientifica”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Maurizio Scaltriti, correggese, è uno dei ricercatori nel campo dell’oncologia più conosciuti e stimati a livello internazionale e sarà un onore e un piacere averlo di nuovo a Correggio, non solo per affrontare il tema specifico di cui si occupa, ma anche come esempio straordinario per i nostri ragazzi, i nostri studenti, che avranno la possibilità di ascoltare da lui come lo studio, la competenza, l’impegno e la dedizione siano valori fondamentali per la propria crescita e per la propria realizzazione professionale e umana”.

Maurizio Scaltriti è nato nel 1973 a Correggio. Si diploma all’Istituto Angelo Motti. Dopo la laurea in Medicina Veterinaria a Bologna e una breve esperienza lavorativa, si iscrive alla Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica, alla Facoltà di Medicina dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Conseguita la specializzazione, inizia un Dottorato di Ricerca in Biologia Molecolare che lo porta in Inghilterra e poi a Barcellona. Nel gennaio 2004 vince un concorso come ricercatore alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Parma, ruolo che lascia nel 2005 per entrare nel prestigioso laboratorio di Josè Baselga, catalano, uno degli oncologi più conosciuti al mondo. Nel 2009 inizia a dirigere tale laboratorio, che nel 2010 si trasferisce al Mass General Hospital di Boston. Qui Scaltriti rimane fino al 2013, quando inizia a lavorare a New York, al Memorial Sloan Kettering Cancer Center, dove è Professore Associato, dirige due laboratori ed è Direttore Associato della Ricerca Translazionale. Ha pubblicato 90 articoli sulle più importanti riviste internazionali e quattro capitoli di monografie specializzate. È considerato a livello internazionale un esperto nel campo oncologico.

TWEET

“Chi ricerca… ritrova”: una giornata con Maurizio Scaltriti
pubbl.: 21 Settembre 2018 - Ufficio Stampa

“Chi ricerca… ritrova”: una giornata a Correggio con Maurizio Scaltriti, professore associato al “Memorial Sloan Kettering Cancer Center” .

Chi ricerca… ritrova” è il titolo dell’iniziativa, promossa dal Comune di Correggio in collaborazione con il centro culturale Lucio Lombardo Radice, che si svolge lunedì 24 settembre e che vede come relatore e ospite d’eccezione il dottor Maurizio Scaltriti, correggese, professore associato al “Memorial Sloan Kettering Cancer Center” di New York. Due gli appuntamenti previsti: al mattino, al centro sociale 25 Aprile, l’incontro con gli studenti delle scuole superiori, come iniziativa per l’inaugurazione dell’anno scolastico; alla sera, alle ore 21, a Palazzo dei Principi, nella sala conferenze “A. Recordati”, l’incontro sarà aperto dall’introduzione del sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi, e da Massimo Costantini, direttore dell’IRCCS di Reggio Emilia; a seguire la lectio magistralis di Maurizio Sclatriti e la “question time”, con le domande e le curiosità del pubblico. Conduce la serata, Liviana Iotti.
“Pensiamo sia molto importante dedicare una giornata sull’importanza della ricerca scientifica”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Maurizio Scaltriti, correggese, è uno dei ricercatori nel campo dell’oncologia più conosciuti e stimati a livello internazionale e sarà un onore e un piacere averlo di nuovo a Correggio, non solo per affrontare il tema specifico di cui si occupa, ma anche come esempio straordinario per i nostri ragazzi, i nostri studenti, che avranno la possibilità di ascoltare da lui come lo studio, la competenza, l’impegno e la dedizione siano valori fondamentali per la propria crescita e per la propria realizzazione professionale e umana”.

Maurizio Scaltriti è nato nel 1973 a Correggio. Si diploma all’Istituto Angelo Motti. Dopo la laurea in Medicina Veterinaria a Bologna e una breve esperienza lavorativa, si iscrive alla Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica, alla Facoltà di Medicina dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Conseguita la specializzazione, inizia un Dottorato di Ricerca in Biologia Molecolare che lo porta in Inghilterra e poi a Barcellona. Nel gennaio 2004 vince un concorso come ricercatore alla Facoltà di Medicina e Chirurgia di Parma, ruolo che lascia nel 2005 per entrare nel prestigioso laboratorio di Josè Baselga, catalano, uno degli oncologi più conosciuti al mondo. Nel 2009 inizia a dirigere tale laboratorio, che nel 2010 si trasferisce al Mass General Hospital di Boston. Qui Scaltriti rimane fino al 2013, quando inizia a lavorare a New York, al Memorial Sloan Kettering Cancer Center, dove è Professore Associato, dirige due laboratori ed è Direttore Associato della Ricerca Translazionale. Ha pubblicato 90 articoli sulle più importanti riviste internazionali e quattro capitoli di monografie specializzate. È considerato a livello internazionale un esperto nel campo oncologico.

TWEET