Pratica strutturale

Adeguamento delle modalità di trasmissione della documentazione relativa al progetto strutturale

Dal primo gennaio 2019 è cessato l’avvalimento regionale in materia di riduzione del rischio sismico e le competenze sono passate ai singoli Comuni.  Il Comune di Correggio ha scelto di convenzionarsi con la STRUTTURA ASSOCIATA PER LA SISMICA (SAS) istituita presso la Provincia di Reggio Emilia: pertanto a decorrere dall’1 gennaio 2019 tale struttura rappresenta il riferimento per il comune ed i progettisti in materia di prevenzione del rischio sismico.

La STRUTTURA ASSOCIATA PER LA SISMICA provvede a definire attraverso linee guida le modalità di trasmissione ed i contenuti dei progetti strutturali. Il versamento del rimborso forfettario andrà effettuato a favore della nuova Struttura secondo i nuovi importi previsti dalla D.G.R. n.1934 del 19.11.2018 con le modalità reperibili sul sito internet della STRUTTURA ASSOCIATA PER LA SISMICA.

In tale ambito è stata privilegiata la trasmissione telematica dei progetti strutturali. Di conseguenza per i progettisti risulta necessario adeguare le modalità di trasmissione delle pratiche strutturali, prevedendo l’invio telematico allo Sportello Edilizia del Comune con le seguenti modalità:

  • via PEC al seguente indirizzo correggio@cert.provincia.re.it avendo cura di contenere i file nel limite massimo di 40 MB. Qualora le dimensioni eccedessero tali limiti, occorrerà procedere ad invii multipli provvedendo ad indicare in oggetto che trattasi di “parte x di y”;
  • mediante CDROM/DVD allegato alla pratica edilizia (depositato contestualmente o allegato alla comunicazione di inizio lavori nei casi previsti).

L’invio dovrà comprendere la modulistica regionale come INTEGRATA da quella provinciale e gli elaborati definiti qui.
Tutti i file dovranno essere in formato PDF, firmati digitalmente in formato P7M (CADES). E’ ammessa la procura speciale del committente qualora non disponga di firma digitale. Non è invece ammessa procura per le ulteriori figure tecniche e per le imprese.

Si invita pertanto a fare riferimento al portale della Provincia di Reggio Emilia per scaricare la modulistica della struttura associate per la sismica aggiornata e per le informazioni di dettaglio.

Competenza dei comuni
Rimangono nella competenza dei Comuni aderenti le seguenti attività:

  1. il controllo formale della completezza delle pratiche presentate, secondo le indicazioni che saranno successivamente fornite dal dirigente del SAS;
  2. la verifica della correttezza del versamento del rimborso spese previsto dalla DGR Emilia-Romagna 1934/2018;
  3. il sorteggio delle pratiche da sottoporre a verifica.

 

Dell’avvenuto sorteggio verrà data comunicazione via PEC al progettista con delega alla consegna della “copia cartacea di cortesia “ presso la SAS. La consegna dovrà avvenire tempestivamente.

N.B.: LA MODULISTICA PER LA PRATICA STRUTTURALE E’ PREDISPOSTA DALLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ED E’ DISPONIBILE QUI: http://ambiente.regione.emilia-romagna.it/geologia/temi/sismica/l.r.-30-ottobre-2008-n.-19-norme-per-la-riduzione-del-rischio-sismico/modulistica-unificata-regionale-mur-1

PER CHIARIMENTI SULLE OPERE SOGGETTE A DENUNCIA DI DEPOSITO DELLE OPERE IN C.A. E A STRUTTURA METALLICA (INDIPENDENTEMENTE DALLA NECESSITA’ DEL DEPOSITO DELLA PRATICA SISMICA) VEDERE LA CIRCOLARE DEL SERVIZIO TECNICO CENTRALE N. 11951 DEL 14/02/1974 DI SEGUITO RIPORTATA IN CUI SI AFFERMA CHE “SI CONSIDERANO, AI SENSI DELLA LEGGE 1086, OPERE IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO NORMALE QUELLE COSTITUITE DA ELEMENTI RESISTENTI INTERCONNESSI, COMPRESI QUELLI DI FONDAZIONE, CHE MUTUAMENTE CONCORRONO AD ASSICURARE LA STABILITA’ GLOBALE DELL’ORGANISMO PORTANTE DELLA COSTRUZIONE, E CHE QUINDI COSTITUISCONO UN “COMPLESSO DI STRUTTURE”, OSSIA UN INSIEME DI MEBRATURE COMUNQUE COLLEGATE TRA LORO ED ESPLICANTI UNA DETERMINATA FUNZIONE STATICA. SONO QUINDI ESCLUSE DALL’APPLICAZIONE DELL’ART. 4 DELLA LEGGE, OLTRE ALLE MEMBRATURE SINGOLE, ANCHE GLI ELEMENTI IN CEMENTO ARMATO CHE ASSOLVONO UNA FUNZIONE DI LIMITATA IMPORTANZA NEL CONTESTO STATICO DELL’OPERA”.

ULTERIORE MODULISTICA:

Per opportuna conoscenza si riporta l’art. 4 comma 9 della l.r. 16/2012:

“Per gli immobili oggetto di interventi di ripristino con miglioramento sismico è assicurata la piena conoscibilità delle prestazioni di sicurezza antisismica raggiunte, indipendentemente dal fatto che beneficino o meno di relativi contributi pubblici. A tal fine, nella illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto esecutivo riguardante le strutture, nel certificato di collaudo statico, nella scheda tecnica descrittiva e nel certificato di conformità edilizia e agibilità, deve essere indicata la percentuale del livello di sicurezza raggiunto dall’immobile a seguito degli interventi, rispetto a quello richiesto per un nuovo edificio”

 

DOVE RIVOLGERSI
Edilizia privata
Geom. Anna Cavazzoni
Geom. Monica Verzelloni

Orario di ricevimento:
martedì e giovedì, dalle 8,30 alle 13 (con appuntamento prenotabile online);
mercoledì, dalle 9 alle 13 (ricevimento libero).

ATTI DI INDIRIZZO DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA DI RIFERIMENTO PER LA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA SISMICA:

Attenzione: Si informa che è assolutamente vietato presentare all’Amministrazione Comunale modulistica che sia stata modificata nei contenuti o in cui siano state omesse parti rispetto alla copia scaricabile da questo sito.

modif.: 15 Marzo 2019 - Netribe Redazione

TWEET