“Sardegna in piazza”: a Correggio, dal 7 al 10 marzo 2019
pubbl.: 5 Marzo 2019 - Ufficio Stampa

“Sardegna in piazza”: da giovedì 7 a domenica 10 marzo ritorna a Correggio l’appuntamento con i sapori e le tradizioni della Sardegna.

Dopo gli ottimi riscontri ottenuti nelle due edizioni degli scorsi anni, ritorna a Correggio “Sardegna in piazza”, il mercatino enogastronomico e artigianale di promozione della cultura sarda, con la presenza di qualificati operatori. L’appuntamento è in piazzale Carducci da giovedì 7 a domenica 10 marzo.
Saranno presenti stand con prodotti tipici e specialità enogastronomiche quali formaggi, dolci, vini, birre e molto altro ancora, il tutto rigorosamente made in Sardegna. Non mancheranno prodotti di artigianato locale, animazione e folklore sardo. Il calendario prevede anche quattro appuntamenti: giovedì 7 marzo, alle ore 12, l’aperitivo “Benvenuti in Sardegna”; venerdì 8 marzo, dalle ore 18, una mostra fotografica sulla bellezza della Regione; sabato 9 marzo sarà, invece, dedicato alla sagra della seades e del mirto; domenica 10 marzo, “selfie game” #naturalmentesardi. Tutte le iniziative si svolgono in Piazzale Carducci.

Sardegna in Piazza
Da giovedì 7 a domenica 10 marzo
Correggio – Piazzale Carducci
Orari: giovedì dalle 12 alle 22; dal venerdì alla domenica dalle 8 alle 22

I prodotti
Seconda isola più grande del Mediterraneo, la Sardegna ha nei prodotti legati al mare una sua caratteristica distintiva. Infatti, all’interno del mercatino si può trovare una grande varietà di pescato proveniente da piccoli produttori ittici sardi. Non mancano certamente i prodotti da forno, contraddistinti dal pane carasau, nelle sue svariate declinazioni, oltre alla spianata. Nel settore dei dolci si possono scoprire la seadas e il torrone morbido. Per i formaggi, oltre ai tradizionali pecorini, vi è il formaggio fresco con la particolarità del fiore sardo di Gavoi. Da segnalare l’unicità del miele amaro, del fior di sale e del tonno rosso “da corsa”, pescato con l’amo e non nelle reti. Non mancano i salumi e i formaggi, tra cui spiccano quelli di pecora e capra, oltre ad un’ampia offerta di vini con in particolare il turriga, il cannonau e il liquore di mirto. Un angolo ristoro, con la tradizionale birra Ichnusa spillata o in bottiglia, offre la degustazione delle più tipiche specialità sarde. L’angolo dell’artigianato completa l’offerta con i tradizionali oggetti in sughero, l’ampia gamma della cestineria sarda, saponi e cosmetici naturali prodotti con essenze dell’isola.

TWEET

“Sardegna in piazza”: a Correggio, dal 7 al 10 marzo 2019
pubbl.: 5 Marzo 2019 - Ufficio Stampa

“Sardegna in piazza”: da giovedì 7 a domenica 10 marzo ritorna a Correggio l’appuntamento con i sapori e le tradizioni della Sardegna.

Dopo gli ottimi riscontri ottenuti nelle due edizioni degli scorsi anni, ritorna a Correggio “Sardegna in piazza”, il mercatino enogastronomico e artigianale di promozione della cultura sarda, con la presenza di qualificati operatori. L’appuntamento è in piazzale Carducci da giovedì 7 a domenica 10 marzo.
Saranno presenti stand con prodotti tipici e specialità enogastronomiche quali formaggi, dolci, vini, birre e molto altro ancora, il tutto rigorosamente made in Sardegna. Non mancheranno prodotti di artigianato locale, animazione e folklore sardo. Il calendario prevede anche quattro appuntamenti: giovedì 7 marzo, alle ore 12, l’aperitivo “Benvenuti in Sardegna”; venerdì 8 marzo, dalle ore 18, una mostra fotografica sulla bellezza della Regione; sabato 9 marzo sarà, invece, dedicato alla sagra della seades e del mirto; domenica 10 marzo, “selfie game” #naturalmentesardi. Tutte le iniziative si svolgono in Piazzale Carducci.

Sardegna in Piazza
Da giovedì 7 a domenica 10 marzo
Correggio – Piazzale Carducci
Orari: giovedì dalle 12 alle 22; dal venerdì alla domenica dalle 8 alle 22

I prodotti
Seconda isola più grande del Mediterraneo, la Sardegna ha nei prodotti legati al mare una sua caratteristica distintiva. Infatti, all’interno del mercatino si può trovare una grande varietà di pescato proveniente da piccoli produttori ittici sardi. Non mancano certamente i prodotti da forno, contraddistinti dal pane carasau, nelle sue svariate declinazioni, oltre alla spianata. Nel settore dei dolci si possono scoprire la seadas e il torrone morbido. Per i formaggi, oltre ai tradizionali pecorini, vi è il formaggio fresco con la particolarità del fiore sardo di Gavoi. Da segnalare l’unicità del miele amaro, del fior di sale e del tonno rosso “da corsa”, pescato con l’amo e non nelle reti. Non mancano i salumi e i formaggi, tra cui spiccano quelli di pecora e capra, oltre ad un’ampia offerta di vini con in particolare il turriga, il cannonau e il liquore di mirto. Un angolo ristoro, con la tradizionale birra Ichnusa spillata o in bottiglia, offre la degustazione delle più tipiche specialità sarde. L’angolo dell’artigianato completa l’offerta con i tradizionali oggetti in sughero, l’ampia gamma della cestineria sarda, saponi e cosmetici naturali prodotti con essenze dell’isola.

TWEET