“The hand that saves”
pubbl.: 17 Aprile 2013 - Ufficio Stampa

In occasione di Fotografia Europea si inaugura sabato il 27 aprile nella galleria di Palazzo Principi di Correggio l’esposizione di Gigi Montali The hand that saves”, curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei. La mostra si ricollega al tema del lavoro, richiamando la ricorrenza del Primo Maggio, ed è strutturata per diverse sezioni: “Uomo e manualità”, “Luoghi di lavoro”, “Uomo e la terra”. Le immagini di Gigi Montali fanno parte di un progetto fotografico di reportage che il fotografo ha realizzato durante i suoi viaggi internazionali tra Europa, Asia, Africa e America. La serie di opere si lega alla pressante questione del cambiamento, tema di Fotografia Europea 2013, sottolineando come l’occupazione negli ultimi tempi stia subendo continue metamorfosi visibili in ogni parte del mondo: la polvere, il legno, i materiali, le merci, le mani e le diverse abilità, tra l’artigianato, le botteghe, le miniere, le fabbriche e i laboratori, raccontano dunque la dignità del lavoro, in questo ultimo periodo che vede un ritorno all’artigianalità e al “saper fare” come espressione di una nuova risorsa e una sempre più sentita volontà di differenziazione. Il tema della mostra ha dunque per protagonista la manualità dell’uomo perché è lui stesso l’attore e il protagonista di questa nuova sfida. I frammenti e le tracce di questo personale modo di vedere la situazione occupazionale diventano una sorta di specchio del cambiamento della società globalizzata e la rappresentazione di una visione attraverso i dettagli della fatica, una nuova prospettiva per il futuro. Un linguaggio universale che ci accumuna tutti e che ha cambiato velocemente le regole, mostrando un nuovo presente che è necessario affrontare con responsabilità in un mondo che cambia giorno dopo giorno senza sosta e che cerca sempre una nuova partenza. Così, in una visuale iper-tecnologica e con la crisi epocale in atto, gli artigiani sono i nuovi protagonisti di una dimensione in cui soltanto il recupero della “mano che salva” può cambiare lo stato attuale delle cose.
Inaugurazione sabato 27 aprile, ore 17.
Galleria di Palazzo Principi, corso Cavour 7, Correggio.
Orari di apertura: sabato 15,30 – 18,30; domenica e festivi 10 – 12,30 e 15,30 – 18,30.
Info: 0522.691806 – www.museoilcorreggio.org


Fotografo di Reportage e paesaggista freelance, Gigi Montali ama rappresentare il territorio dove vive con un linguaggio semplice e mai banale, cogliendo particolari momenti apparentemente  normali che attraverso lo scatto acquisiscono un significato profondo. Ha all’attivo diverse collaborazioni con enti locali, tra cui la provincia di Parma e diversi Comuni dell’Emilia, nonché alcune testate giornalistiche nazionali. Negli anni ha arricchito la propria esperienza fotografica con la produzione di audiovisivi fotografici, che lo hanno portato a partecipare ad alcuni tra i più importanti festival Europei.

CorreggioProssim@mente


Newsletter del Comune di Correggio

TWEET

“The hand that saves”
pubbl.: 17 Aprile 2013 - Ufficio Stampa

In occasione di Fotografia Europea si inaugura sabato il 27 aprile nella galleria di Palazzo Principi di Correggio l’esposizione di Gigi Montali The hand that saves”, curata da Francesca Baboni e Stefano Taddei. La mostra si ricollega al tema del lavoro, richiamando la ricorrenza del Primo Maggio, ed è strutturata per diverse sezioni: “Uomo e manualità”, “Luoghi di lavoro”, “Uomo e la terra”. Le immagini di Gigi Montali fanno parte di un progetto fotografico di reportage che il fotografo ha realizzato durante i suoi viaggi internazionali tra Europa, Asia, Africa e America. La serie di opere si lega alla pressante questione del cambiamento, tema di Fotografia Europea 2013, sottolineando come l’occupazione negli ultimi tempi stia subendo continue metamorfosi visibili in ogni parte del mondo: la polvere, il legno, i materiali, le merci, le mani e le diverse abilità, tra l’artigianato, le botteghe, le miniere, le fabbriche e i laboratori, raccontano dunque la dignità del lavoro, in questo ultimo periodo che vede un ritorno all’artigianalità e al “saper fare” come espressione di una nuova risorsa e una sempre più sentita volontà di differenziazione. Il tema della mostra ha dunque per protagonista la manualità dell’uomo perché è lui stesso l’attore e il protagonista di questa nuova sfida. I frammenti e le tracce di questo personale modo di vedere la situazione occupazionale diventano una sorta di specchio del cambiamento della società globalizzata e la rappresentazione di una visione attraverso i dettagli della fatica, una nuova prospettiva per il futuro. Un linguaggio universale che ci accumuna tutti e che ha cambiato velocemente le regole, mostrando un nuovo presente che è necessario affrontare con responsabilità in un mondo che cambia giorno dopo giorno senza sosta e che cerca sempre una nuova partenza. Così, in una visuale iper-tecnologica e con la crisi epocale in atto, gli artigiani sono i nuovi protagonisti di una dimensione in cui soltanto il recupero della “mano che salva” può cambiare lo stato attuale delle cose.
Inaugurazione sabato 27 aprile, ore 17.
Galleria di Palazzo Principi, corso Cavour 7, Correggio.
Orari di apertura: sabato 15,30 – 18,30; domenica e festivi 10 – 12,30 e 15,30 – 18,30.
Info: 0522.691806 – www.museoilcorreggio.org


Fotografo di Reportage e paesaggista freelance, Gigi Montali ama rappresentare il territorio dove vive con un linguaggio semplice e mai banale, cogliendo particolari momenti apparentemente  normali che attraverso lo scatto acquisiscono un significato profondo. Ha all’attivo diverse collaborazioni con enti locali, tra cui la provincia di Parma e diversi Comuni dell’Emilia, nonché alcune testate giornalistiche nazionali. Negli anni ha arricchito la propria esperienza fotografica con la produzione di audiovisivi fotografici, che lo hanno portato a partecipare ad alcuni tra i più importanti festival Europei.

CorreggioProssim@mente


Newsletter del Comune di Correggio

TWEET