Vicenda Encor: replica alle informazioni diffuse dai parlamentari M5S
pubbl.: 10 Febbraio 2019 - Ufficio Stampa

Vicenda Encor: l’amministrazione comunale di Correggio replica alle informazioni diffuse dai parlamentari grillini.

L’amministrazione comunale di Correggio, risponde agli esponenti 5 Stelle in Parlamento, in merito alla vicenda Encor.
“Catapultati a Roma grazie a un pugno di preferenze raccolte online, i parlamentari 5 Stelle reggiani, a distanza di un anno circa dalla loro elezione si ricordano oggi del territorio che li ha beneficiati di incarichi così importanti e ben retribuiti, intervenendo in merito alla vicenda Encor”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Per il prestigio del ruolo che ricoprono, tutti a Correggio si sarebbero aspettati un loro rilevante contributo sul tema, anche se in questo anno nessuno li ha mai visti in città e non c’è alcuna traccia di un loro interessamento per le necessità o i bisogni del territorio. Apprendiamo oggi dai giornali che, invece, la loro strategia per risolvere la vicenda legata a Encor sarebbe l’istituzione di una commissione consigliare. Come al solito, il loro unico obiettivo è la “caccia al colpevole” – attività che, peraltro, non compete né a loro né a noi, ma alla magistratura – lasciando nel contempo affondare la città, questo sì, in modo coerente con quanto stanno facendo a livello nazionale. La politica dei 5 Stelle, a tutti i livelli, si dimostra solo carica di rancore verso il passato, senza mai proporre una visione sul futuro. Fortunatamente, cinque anni fa i correggesi ci hanno eletti anche per risolvere questo problema, che nessuno ha mai negato o cercato di nascondere. Allora ci eravamo presentati davanti ai cittadini con un programma, delle idee e delle promesse. Che, ad oggi, possiamo solo dire di essere riusciti a mantenere. È oltremodo curioso che ora, contraddicendosi tra l’altro sul tema della trasparenza, venga lanciata all’amministrazione l’accusa di “trionfalismo”, nel momento in cui si sta semplicemente informando la città, facendo il punto della situazione. Nei giorni scorsi, l’amministrazione ha illustrato come è stato ripianato il debito legato a Encor e quali sono i passaggi che ci attendono nelle prossime settimane. Nessun “trionfalismo”, dunque – che lasciamo volentieri a chi esulta con cori da stadio sotto un balcone o si spella le mani al disvelamento di una teca contenente un bancomat – tanto più riguardo un argomento che ha causato molte difficoltà e anche parecchie sofferenze, a livello politico e amministrativo. Solo una corretta informazione sul percorso svolto fin qui e che era stato illustrato anche nel corso degli incontri con i cittadini organizzati nelle ultime settimane. Mentre la nostra amministrazione ha evitato il dissesto alla città, ha salvaguardato i posti di lavoro, ha mantenuto e, anzi, rilanciato i servizi, attendiamo ancora, a distanza di cinque anni, la “ricetta” e le proposte dei 5 Stelle in merito alla questione. Così come attendiamo il contributo dei parlamentari grillini al benessere del territorio: per ora abbiamo ricevuto solo certezze di tagli e di insicurezze, grazie a provvedimenti votati in piena notte dal Parlamento e dalla maggioranza, di cui loro, teleguidati dall’azienda Casaleggio, fanno parte, con decreti e leggi approvati grazie a mozioni di fiducia e senza alcuna trasparenza. Infine, ci viene lanciata l’accusa di essere in continuità con chi ha amministrato Correggio negli ultimi 70 anni: è vero, siamo in continuità con chi ha contribuito attivamente allo sviluppo del nostro territorio, modello di benessere e welfare a livello europeo, siamo in continuità con chi ci ha insegnato che nelle difficoltà non è sufficiente lamentarsi sulle presunte colpe, ma rimboccarsi le maniche e darsi da fare per portare una soluzione, siamo in continuità con quelli che sono stati le radici e i valori espressi da questa terra e da questo territorio a partire dal dopoguerra. Questo è ciò che ci contraddistingue e non abbiamo alcun timore a rivendicarlo”.

TWEET

Vicenda Encor: replica alle informazioni diffuse dai parlamentari M5S
pubbl.: 10 Febbraio 2019 - Ufficio Stampa

Vicenda Encor: l’amministrazione comunale di Correggio replica alle informazioni diffuse dai parlamentari grillini.

L’amministrazione comunale di Correggio, risponde agli esponenti 5 Stelle in Parlamento, in merito alla vicenda Encor.
“Catapultati a Roma grazie a un pugno di preferenze raccolte online, i parlamentari 5 Stelle reggiani, a distanza di un anno circa dalla loro elezione si ricordano oggi del territorio che li ha beneficiati di incarichi così importanti e ben retribuiti, intervenendo in merito alla vicenda Encor”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Per il prestigio del ruolo che ricoprono, tutti a Correggio si sarebbero aspettati un loro rilevante contributo sul tema, anche se in questo anno nessuno li ha mai visti in città e non c’è alcuna traccia di un loro interessamento per le necessità o i bisogni del territorio. Apprendiamo oggi dai giornali che, invece, la loro strategia per risolvere la vicenda legata a Encor sarebbe l’istituzione di una commissione consigliare. Come al solito, il loro unico obiettivo è la “caccia al colpevole” – attività che, peraltro, non compete né a loro né a noi, ma alla magistratura – lasciando nel contempo affondare la città, questo sì, in modo coerente con quanto stanno facendo a livello nazionale. La politica dei 5 Stelle, a tutti i livelli, si dimostra solo carica di rancore verso il passato, senza mai proporre una visione sul futuro. Fortunatamente, cinque anni fa i correggesi ci hanno eletti anche per risolvere questo problema, che nessuno ha mai negato o cercato di nascondere. Allora ci eravamo presentati davanti ai cittadini con un programma, delle idee e delle promesse. Che, ad oggi, possiamo solo dire di essere riusciti a mantenere. È oltremodo curioso che ora, contraddicendosi tra l’altro sul tema della trasparenza, venga lanciata all’amministrazione l’accusa di “trionfalismo”, nel momento in cui si sta semplicemente informando la città, facendo il punto della situazione. Nei giorni scorsi, l’amministrazione ha illustrato come è stato ripianato il debito legato a Encor e quali sono i passaggi che ci attendono nelle prossime settimane. Nessun “trionfalismo”, dunque – che lasciamo volentieri a chi esulta con cori da stadio sotto un balcone o si spella le mani al disvelamento di una teca contenente un bancomat – tanto più riguardo un argomento che ha causato molte difficoltà e anche parecchie sofferenze, a livello politico e amministrativo. Solo una corretta informazione sul percorso svolto fin qui e che era stato illustrato anche nel corso degli incontri con i cittadini organizzati nelle ultime settimane. Mentre la nostra amministrazione ha evitato il dissesto alla città, ha salvaguardato i posti di lavoro, ha mantenuto e, anzi, rilanciato i servizi, attendiamo ancora, a distanza di cinque anni, la “ricetta” e le proposte dei 5 Stelle in merito alla questione. Così come attendiamo il contributo dei parlamentari grillini al benessere del territorio: per ora abbiamo ricevuto solo certezze di tagli e di insicurezze, grazie a provvedimenti votati in piena notte dal Parlamento e dalla maggioranza, di cui loro, teleguidati dall’azienda Casaleggio, fanno parte, con decreti e leggi approvati grazie a mozioni di fiducia e senza alcuna trasparenza. Infine, ci viene lanciata l’accusa di essere in continuità con chi ha amministrato Correggio negli ultimi 70 anni: è vero, siamo in continuità con chi ha contribuito attivamente allo sviluppo del nostro territorio, modello di benessere e welfare a livello europeo, siamo in continuità con chi ci ha insegnato che nelle difficoltà non è sufficiente lamentarsi sulle presunte colpe, ma rimboccarsi le maniche e darsi da fare per portare una soluzione, siamo in continuità con quelli che sono stati le radici e i valori espressi da questa terra e da questo territorio a partire dal dopoguerra. Questo è ciò che ci contraddistingue e non abbiamo alcun timore a rivendicarlo”.

TWEET