Chiesa della Madonna della Rosa

Madonna della Rosa

Ubicazione: Via Davoli

Epoca di costruzione: Fu fatta erigere dal principe Siro nel 1626.

Orario: La chiesa viene aperta in occasione di visite guidate concordate con il museo civico “Il Correggio”; alla domenica mattina alle 8.30 vi viene celebrata la Messa.

Accessibilità: Situata a ridosso del centro storico (ex ingresso città di Porta Reggio) -parte ovest del centro storico, vi si accede in auto da Via Circondaria (circonvallazione). La chiesa sorge in fondo ad un piccolo viale. A piedi vi si accede percorrendo tutti i portici del centro storico fino ad arrivare al piazzale di ingresso ovest.

L’impianto generale della Chiesa ha subito, nel corso dei secoli, sostanziali modifiche.
Situata a ridosso del centro storico di Correggio, appena oltre la cerchia muraria cinquecentesca, fu eretta nella conformazione attuale e dedicata alla Beata Vergine della Rosa solo nel 1600.
Fin dal 1440 si ergeva nello stesso luogo una cappella dedicata a Sant’Orsola (o Orsolina), voluta da Giberto da Correggio. Quasi sessanta anni dopo, nel 1496, Nicolò da Correggio e la moglie Cassandra Colleoni vi fondarono il Monastero femminile del Corpus Domini, al quale fu successivamente annessa la cappella di Sant’Orsola, da quel momento affidata alle monache.
Durante la guerra contro gli Estensi, nel 1557, il cenobio fu completamente distrutto per necessità difensive: solo la cappella di S. Orsola si salvò assieme ad una “camerazza” addossata alla cappella, nella quale si venerava l’immagine della Madonna della Rosa, considerata propiziatrice e dispensatrice di grazie. Per tale motivo si trova spesso la cappella indicata nei testi di allora come “cappella della Madonna della Rosa”. Tale nuova denominazione è spesso utilizzata a partire dal secolo XVI, segno dell’accresciuta venerazione per l’immagine mariana. Dal 1607 iniziano infatti le manifestazioni miracolose della Vergine, e, in seguito al crescere del culto e delle offerte, le monache che curavano la cappella la provvidero di nuovi arredi. Iniziarono anche una serie di lavori che la trasformarono in “chiesuola”, ampliando la cappella stessa, con sacrestia e domicilio sacerdotale.
Nelle sue forme attuali la chiesa della Madonna della Rosa è stata edificata come ex voto dal principe Siro di Camillo da Correggio nel 1625. L’edificio sacro, un tempio votivo, fu ufficialmente consacrato il 16 luglio 1626, quando il bassorilievo raffigurante la Madonna della Rosa venne tolto dalla primitiva cappella e posto nel presbiterio, sopra l’altare dove ancor oggi si trova.
Nel 1656 la città di Correggio espresse alla Madonna della Rosa e a San Quirino un voto che verrà sciolto solo nel 1868: ben 150 scudi si sarebbero impiegati in onore della Vergine, ed altrettanti in onore del Santo, se avessero liberato la città dalle sciagure belliche che si ritenevano prossime.
Per lungo tempo la Chiesa fu meta di pellegrinaggi dal territorio di Correggio e da quelli circostanti, tanto che venne considerata dai Correggesi dispensatrice di una speciale intercessione a difesa della città. Pur non trattandosi più di un culto legato a manifestazioni liturgiche o sociali, l’affetto dei Correggesi per la figura della Madonna della Rosa e tutt’ora molto forte.
La chiesa, restaurata, è stata inaugurata il 25 Marzo 2000.
La gestione della struttura è affidata alla parrocchia di San Prospero dato che si trova nel suo territorio.
Vi si celebra la messa alla domenica mattina alla 8.30.
Altre celebrazioni vengono organizzate durante speciali feste mariane e nel mese di Maggio viene organizzato il rosario serale.

modif.: 13 marzo 2015 - Ufficio Stampa

TWEET