70mila euro a fondo perduto: contributi a sostegno delle attività economiche e commerciali
pubbl.: 21 Dicembre 2020 - Ufficio Stampa

70mila euro a fondo perduto: l’amministrazione comunale di Correggio stanzia contributi a sostegno delle attività economiche e commerciali messe in difficoltà dall’emergenza sanitaria.

L’amministrazione comunale di Correggio ha stanziato 70mila euro come contributi a fondo perduto a sostegno delle attività economiche maggiormente colpite dallo stato di emergenza causato dall’epidemia di coronavirus.
Potranno beneficiare del contributo le imprese con sede operativa a Correggio e operanti come esercizi di vicinato destinati alla vendita di prodotti del settore merceologico non-alimentare, pubblici esercizi quali bar e ristoranti, artigianato di servizio e di produzione (acconciatori ed estetisti, gelaterie, gastronomie, pasta fresca, pasticcerie, pizzerie al taglio, piadinerie e attività similari), agenzie di viaggio, organizzazione viaggi e noleggio con conducente.
Per accedere ai contributi le imprese – con un numero di addetti non superiore a 10 – devono dimostrare un volume d’affari ai fini IVA per l’anno 2019 inferiore a 400mila euro e una riduzione del fatturato alla data del 30 settembre 2020 pari almeno al 33% rispetto allo stesso dato riferito all’esercizio precedente.
Sono escluse dai benefici le imprese di “compro oro” o attività similari, quelle di installazione/detenzione di slot machines, video lottery o altri tipi di scommesse esercitate in maniera esclusiva, le rivendite di armi, munizioni e materiale esplosivo e quelle di vendita esclusiva con apparecchi automatici.
Tra i criteri e le priorità individuati per l’attribuzione del punteggio figurano la riduzione del fatturato (sarà infatti attribuito 1 punto per ogni punto percentuale in meno), il titolo di utilizzo dei locali in cui si svolge o ha sede l’attività e l’anzianità dell’impresa (privilegiando quelle più recenti). Punteggio extra per le imprese femminili, quelle “under 40”, quelle che hanno aderito al progetto di marketplace “Comprosmart” e le attività che non hanno usufruito della facoltà di beneficiare dell’estensione dell’utilizzo di suolo pubblico.
Per partecipare al bando è possibile fare domanda fino alle ore 12 di venerdì 22 gennaio 2021.

“La crisi che stiamo vivendo in seguito al diffondersi dell’epidemia ha comportato, tra tutti gli altri drammatici effetti, anche la sospensione prolungata di numerose attività economiche, da cui è derivata una notevole contrazione dei margini economici con ricadute a volte drammatiche per imprenditori e lavoratori”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Abbiamo pertanto ritenuto necessario riconoscere un contributo a fondo perduto a sostegno della attività economiche che hanno subito un danno economico, stanziando 70mila euro nel nostro bilancio corrente, rimarcando così il sostegno alla rete imprenditoriale e commerciale locale, che rappresenta, da sempre, uno degli obiettivi della nostra amministrazione. L’ammontare del contributo verrà determinato tenendo conto della somma complessiva in proporzione alle domande pervenute, con importi che andranno da un minimo di 300 euro ad un massimo di 1.000 euro. Nel costruire il bando, abbiamo posto particolare attenzione alle imprese appena nate, a quelle femminili, a quelle che si sono distinte e ci aiutano nel contrasto del gioco d’azzardo, oltre ovviamente a quelle che hanno subito un significativo calo del proprio fatturato. La situazione creatasi a seguito della pandemia ha fatto emergere, una volta in più, come una comunità sia una rete di elementi diversi che, insieme, concorrono al benessere di tutti. Per questo, già all’inizi del mese, nel lanciare la nostra campagna a sostegno delle attività economiche, avevamo sottolineato che se vive il commercio, vive Correggio. Con la decisione di stanziare questi contributi a fondo perduto ribadiamo quindi la nostra vicinanza ad alcune delle categorie imprenditoriali che maggiormente sono state messe in difficoltà dall’emergenza”.

TWEET

70mila euro a fondo perduto: contributi a sostegno delle attività economiche e commerciali
pubbl.: 21 Dicembre 2020 - Ufficio Stampa

70mila euro a fondo perduto: l’amministrazione comunale di Correggio stanzia contributi a sostegno delle attività economiche e commerciali messe in difficoltà dall’emergenza sanitaria.

L’amministrazione comunale di Correggio ha stanziato 70mila euro come contributi a fondo perduto a sostegno delle attività economiche maggiormente colpite dallo stato di emergenza causato dall’epidemia di coronavirus.
Potranno beneficiare del contributo le imprese con sede operativa a Correggio e operanti come esercizi di vicinato destinati alla vendita di prodotti del settore merceologico non-alimentare, pubblici esercizi quali bar e ristoranti, artigianato di servizio e di produzione (acconciatori ed estetisti, gelaterie, gastronomie, pasta fresca, pasticcerie, pizzerie al taglio, piadinerie e attività similari), agenzie di viaggio, organizzazione viaggi e noleggio con conducente.
Per accedere ai contributi le imprese – con un numero di addetti non superiore a 10 – devono dimostrare un volume d’affari ai fini IVA per l’anno 2019 inferiore a 400mila euro e una riduzione del fatturato alla data del 30 settembre 2020 pari almeno al 33% rispetto allo stesso dato riferito all’esercizio precedente.
Sono escluse dai benefici le imprese di “compro oro” o attività similari, quelle di installazione/detenzione di slot machines, video lottery o altri tipi di scommesse esercitate in maniera esclusiva, le rivendite di armi, munizioni e materiale esplosivo e quelle di vendita esclusiva con apparecchi automatici.
Tra i criteri e le priorità individuati per l’attribuzione del punteggio figurano la riduzione del fatturato (sarà infatti attribuito 1 punto per ogni punto percentuale in meno), il titolo di utilizzo dei locali in cui si svolge o ha sede l’attività e l’anzianità dell’impresa (privilegiando quelle più recenti). Punteggio extra per le imprese femminili, quelle “under 40”, quelle che hanno aderito al progetto di marketplace “Comprosmart” e le attività che non hanno usufruito della facoltà di beneficiare dell’estensione dell’utilizzo di suolo pubblico.
Per partecipare al bando è possibile fare domanda fino alle ore 12 di venerdì 22 gennaio 2021.

“La crisi che stiamo vivendo in seguito al diffondersi dell’epidemia ha comportato, tra tutti gli altri drammatici effetti, anche la sospensione prolungata di numerose attività economiche, da cui è derivata una notevole contrazione dei margini economici con ricadute a volte drammatiche per imprenditori e lavoratori”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Abbiamo pertanto ritenuto necessario riconoscere un contributo a fondo perduto a sostegno della attività economiche che hanno subito un danno economico, stanziando 70mila euro nel nostro bilancio corrente, rimarcando così il sostegno alla rete imprenditoriale e commerciale locale, che rappresenta, da sempre, uno degli obiettivi della nostra amministrazione. L’ammontare del contributo verrà determinato tenendo conto della somma complessiva in proporzione alle domande pervenute, con importi che andranno da un minimo di 300 euro ad un massimo di 1.000 euro. Nel costruire il bando, abbiamo posto particolare attenzione alle imprese appena nate, a quelle femminili, a quelle che si sono distinte e ci aiutano nel contrasto del gioco d’azzardo, oltre ovviamente a quelle che hanno subito un significativo calo del proprio fatturato. La situazione creatasi a seguito della pandemia ha fatto emergere, una volta in più, come una comunità sia una rete di elementi diversi che, insieme, concorrono al benessere di tutti. Per questo, già all’inizi del mese, nel lanciare la nostra campagna a sostegno delle attività economiche, avevamo sottolineato che se vive il commercio, vive Correggio. Con la decisione di stanziare questi contributi a fondo perduto ribadiamo quindi la nostra vicinanza ad alcune delle categorie imprenditoriali che maggiormente sono state messe in difficoltà dall’emergenza”.

TWEET