“EAT in Emilia”: Correggio si aggiudica un finanziamento per promuovere tirocini formativi per studenti all’estero in ambito agricolo e agroalimentare
pubbl.: 11 Novembre 2015 modif.: 29 Marzo 2016 - Ufficio Stampa

Con il progetto “EAT in Emilia” il Comune di Correggio ha vinto un bando europeo del valore di circa 270mila euro da utilizzare per promuovere esperienze di tirocinio all’estero per studenti e neodiplomati.
Il bando, indetto nell’ambito del programma Erasmus+, ha visto 325 candidature e il progetto correggese rientra tra gli 82 scelti per essere finanziati.
EAT in Emilia” (Empowering Agribusiness Training in Emilia) promuove la mobilità europea di giovani, studenti e neodiplomati, che potranno così svolgere esperienze di formazione e di tirocinio finalizzate a perfezionare il proprio profilo tecnico e professionale in ambito agricolo e agroalimentare.
In fase di progettazione e preparazione del progetto, sono stati così coinvolti tutte le scuole e gli Enti di formazione che a livello provinciale promuovono profili in questi settori nell’ambito della propria offerta formativa: Convitto Corso di Correggio, Istituto Motti e Istituto Zanelli di Reggio Emilia, Istituto Mandela a Castelnovo Monti, La Cremeria e la Fondazione ENAIP, oltre a numerosi partner: Provincia di Reggio Emilia, Regione Emilia-Romagna, Camera di Commercio, AGEMOB – Arezzo, Camera di Commercio di Reggio Emilia, CNA Reggio Emilia, Legacoop Emilia Ovest, Coldiretti e Confagricoltura Reggio Emilia, CIA, CRPA, Dinamica, CIR Food, CIV – Cantine Riunite, Consorzio aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia, Consorzio Parmigiano Reggiano e Consorzio vini DOP.
Soddisfatto il commento del sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi: “Partendo dalla forte vocazione agricola del nostro territorio, abbiamo elaborato un progetto di valenza provinciale che permetterà a 72 giovani, di cui 48 studenti e 24 neodiplomati, di effettuare un’esperienza particolarmente formativa all’estero. I ragazzi che saranno selezionati tra tutte le scuole coinvolte potranno fruire di un tirocinio di quattro settimane in uno dei paesi di destinazione – Malta, Portogallo, Irlanda, Spagna, Olanda e Regno Unito – durante la pausa estiva, mettendosi in gioco in un contesto lavorativo coerente con il proprio percorso di studi. Crediamo si tratta di un’opportunità importante per i nostri giovani, sia come arricchimento personale sia come percorso professionalizzante, dove mettere a valore competenze e abilità acquisite negli anni di studio”.
“Ringrazio tutti i partner della rete che ci hanno sostenuto”, conclude il sindaco, “perché hanno appoggiato il progetto condividendone obiettivi e finalità”.

TWEET

“EAT in Emilia”: Correggio si aggiudica un finanziamento per promuovere tirocini formativi per studenti all’estero in ambito agricolo e agroalimentare
pubbl.: 11 Novembre 2015 modif.: 29 Marzo 2016 - Ufficio Stampa

Con il progetto “EAT in Emilia” il Comune di Correggio ha vinto un bando europeo del valore di circa 270mila euro da utilizzare per promuovere esperienze di tirocinio all’estero per studenti e neodiplomati.
Il bando, indetto nell’ambito del programma Erasmus+, ha visto 325 candidature e il progetto correggese rientra tra gli 82 scelti per essere finanziati.
EAT in Emilia” (Empowering Agribusiness Training in Emilia) promuove la mobilità europea di giovani, studenti e neodiplomati, che potranno così svolgere esperienze di formazione e di tirocinio finalizzate a perfezionare il proprio profilo tecnico e professionale in ambito agricolo e agroalimentare.
In fase di progettazione e preparazione del progetto, sono stati così coinvolti tutte le scuole e gli Enti di formazione che a livello provinciale promuovono profili in questi settori nell’ambito della propria offerta formativa: Convitto Corso di Correggio, Istituto Motti e Istituto Zanelli di Reggio Emilia, Istituto Mandela a Castelnovo Monti, La Cremeria e la Fondazione ENAIP, oltre a numerosi partner: Provincia di Reggio Emilia, Regione Emilia-Romagna, Camera di Commercio, AGEMOB – Arezzo, Camera di Commercio di Reggio Emilia, CNA Reggio Emilia, Legacoop Emilia Ovest, Coldiretti e Confagricoltura Reggio Emilia, CIA, CRPA, Dinamica, CIR Food, CIV – Cantine Riunite, Consorzio aceto balsamico tradizionale di Reggio Emilia, Consorzio Parmigiano Reggiano e Consorzio vini DOP.
Soddisfatto il commento del sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi: “Partendo dalla forte vocazione agricola del nostro territorio, abbiamo elaborato un progetto di valenza provinciale che permetterà a 72 giovani, di cui 48 studenti e 24 neodiplomati, di effettuare un’esperienza particolarmente formativa all’estero. I ragazzi che saranno selezionati tra tutte le scuole coinvolte potranno fruire di un tirocinio di quattro settimane in uno dei paesi di destinazione – Malta, Portogallo, Irlanda, Spagna, Olanda e Regno Unito – durante la pausa estiva, mettendosi in gioco in un contesto lavorativo coerente con il proprio percorso di studi. Crediamo si tratta di un’opportunità importante per i nostri giovani, sia come arricchimento personale sia come percorso professionalizzante, dove mettere a valore competenze e abilità acquisite negli anni di studio”.
“Ringrazio tutti i partner della rete che ci hanno sostenuto”, conclude il sindaco, “perché hanno appoggiato il progetto condividendone obiettivi e finalità”.

TWEET