Mense Scolastiche

Il Comune offre un servizio di mense scolastiche che risponde a corrette esigenze dietetiche per i bambini frequentanti i nidi, le scuole dell’Infanzia pubbliche, le scuole primarie.

L’ISECS cura l’organizzazione del servizio fornito in appalto e controllato dall’ASL.

Per i frequentanti nidi e scuole dell’infanzia il servizio viene erogato automaticamente ed il costo del pasto viene inserito come parte variabile nella retta mensile, si paga in base ai pasti effettivamente consumati.

Per accedere al servizio nellle scuole primarie a tempo normale (Prato e Canolo) occorre presentare domanda nel mese di settembre compilando l’apposito modulo disponibile presso le rispettive scuole di appartenenza all’inizio dell’anno scolastico, mentre è autonamtico ed obbligatorio (il tempo mensa è tempo scuola) per gli iscritti alle scuole primarie a tempo pieno (Cantona e parte di San Francesco).
Le famiglie devono poi acquistare blocchetti di buoni-pasto, di diverso colore in base al tipo di scuola, presso la Tesoreria Comunale, composti da 10 tagliandini.

A partire dal 2018/2019 sarà possibile anche acquistare i blocchetti dei buoni pasto mediante pagamento con bonifico bancario sul conto contraddistinto da IBAN:  IT 51 E 01030 66320 000004276035  intestato a ISECS del Comune di Correggio e causale che reca la dicitura “Acquisto buoni pasto per alunna ________ frequentante la scuola di _____”.
Dopodiché il genitore (o persona formalmente delegata), munito di copia del bonifico, potrà rivolgersi all’Ufficio ISECS, per il ritiro dei buoni pasto, dal lunedì al venerdì negli orari di apertura al pubblico, oppure la mattina del giorno di sabato presso la Ludoteca-Biblioteca ragazzi “Piccolo Principe” .
Occorrerà rispettare il termine di tre giorni lavorativi dall’effettuazione del bonifico per poter ritirare i buoni pasto, questo perché vi sono i  tempi tecnici interbancari di registrazione del pagamento su conto di tesoreria comunale. Coloro che hanno la necessità di delegare il ritiro dei buoni a parenti/amici possono qui scaricare il modulo di delega.

I pasti sono prodotti in due cucine del territorio gestite in appalto, sulla base di tabelle merceologiche e di grammature standard fissate per piatto, ed i pasti trasportati in contenitori termici.
Il menù mensile, diversificato tra primaverile ed invernale, è approvato dall’ASL; il pasto è composto anche da alcuni alimenti biologici: pane, pasta, riso, olio extravergine d’oliva, passata e di pomodoro e carni (suino, bovino, pollo e tacchino); vengono anche forniti alcuni prodotti tipici e tradizionali o comunque “a filiera corta” oltre ad altri provenienti dal mercato equo e solidale.

Vengono fornite in caso di necessità diete speciali, previa presentazione di modulo di domanda (versione .doc) cui allegare certificazione medica direttamente all’ISECS, entro il 30/6 per l’anno successivo; le certificazioni di intolleranza alimentare devono avere validità almeno ad anno scolastico (o eccezionalmente per singolo menù) e saranno vagliate dall’AUSL; per certificazioni inoltrate in corso d’anno la dieta sarà predisposta indicativamente entro 10 giorni dalla presentazione.

Sono possibili anche diete etico/religiose per le quali è necessario presentare una domanda autocertificata a scuola.

I menù sono differenziati tra i gradi scolastici ed i tempi scuola, quelli dell’corrente anno scolastico sono i seguenti:

NIDO D’INFANZIA

SCUOLA D’INFANZIA

SCUOLE PRIMARIE A TEMPO PIENO

SCUOLE PRIMARIE A TEMPO NORMALE E CENTRI GIOCO TERRITORIALI

I costi dei buoni pasto sono differenziati tra:
– i bambini di nido e scuola d’infanzia
– gli studenti delle Scuole Primarie a tempo pieno (Cantona ed un corso di San Francesco)
– gli studenti delle altre Scuole Primarie (Canolo e Prato, oltre ai Centri Gioco Territoriali);

I buoni non utilizzati vengono rimborsati, nei mesi di giugno/luglio, presso l’ISECS.

Su richiesta ed in accordo con la commissione mensa, formata coi genitori rappresentanti delle scuole, a partire dal 2013/14, si pubblicano in collaborazione con CIR alcune ricette (5 primi e 5 secondi indicati dai genitori), per la preparazione di pasti forniti nelle scuole correggesi dal nido alla primaria. Alcuni piatti sono uguali nei vari gradi scolastici, ma cambiano solamente le grammature.

Ricette Primi Secondi
NIDI Primi Secondi
SCUOLE D’INFANZIA Primi Secondi
SCUOLE PRIMARIE Primi Secondi
modif.: 25 Luglio 2019 - Netribe Redazione

TWEET