“Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”
pubbl.: 13 Novembre 2018 modif.: 20 Novembre 2018 - Ufficio Stampa

“Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”: dal 19 novembre una settimana di iniziative promosse dal Coordinamento pedagogico distrettuale di Correggio.

Martedì 20 novembre ricorre la “Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” che ricorda la data, nel 1989, in cui l’ONU ha approvato la Convenzione dei Diritti dell’Infanzia, composta da 54 articoli. Quest’anno il Coordinamento pedagogico distrettuale di Correggio propone di ricordare la Convezione valorizzando l’articolo 29: “Gli Stati convengono che l’educazione del fanciullo deve avere come finalità: favorire lo sviluppo della personalità, delle sue facoltà e delle sue attitudini mentali e fisiche, in tutta la loro potenzialità; sviluppare il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (…); sviluppare nel fanciullo il rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del paese nel quale vive, del paese da cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua; preparare il fanciullo ad assumere la responsabilità della vita in una società libera, in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di origine autoctona; sviluppare nel fanciullo il rispetto per l’ambiente naturale”.
Nella settimana dal 19 al 23 novembre, il nido d’infanzia “Girotondo”, la scuola dell’infanzia paritaria “Anita Bedogni Fontanesi”, la scuola dell’infanzia “Anselperga”, la scuola primaria “Vittoria Gandolfi” e la scuola secondaria di primo grado “Galilei” di Campagnola Emilia, i nidi d’infanzia “Gramsci”, “La Mongolfiera”, “Lamizzo Re” e “Pinocchio”, il centro di sperimentazione creativa “Le Corti” e la scuole dell’infanzia “Arcobaleno”, “Collodi”, “Ghidoni Mandriolo”, “Le Margherite” e “Gigi e Pupa Ferrari” di Correggio, il nido d’infanzia “Bolle di sapone”, la scuole dell’infanzia “27 febbraio”, la paritaria “Landini” e quella statale di Fabbrico, il nido d’infanzia “Girasole” di Rio Saliceto, il nido d’infanzia “Il Sorriso”, la scuola dell’infanzia “Sinfonia” e la paritaria “Don U. Borghi” di Rolo, il nido d’infanzia “Peter Pan”, la scuola dell’infanzia “Aurelia d’Este”, la paritaria “Regina Pacis”, la scuola primaria “De Amicis” e la scuola secondaria di primo grado “Allegri” di San Martino in Rio promuoveranno eventi, iniziative ed esperienze su questo tema, coinvolgendo bambini e famiglie.
“Ogni anno il Coordinamento pedagogico distrettuale, insieme alle realtà educative 0-6 anni del territorio, pone in primo piano uno o più articoli della Convenzione attraverso la realizzazione di eventi ed iniziative all’interno delle istituzioni educative del territorio”, commenta Ilaria Mussini, responsabile del Coordinamento pedagogico. “Ci sembra importante, quest’anno, sottolineare con forza l’importanza di alcuni valori che ritroviamo nell’articolo 29 quali la libertà, il rispetto delle differenze, la tolleranza e l’attenzione verso l’ambiente naturale. Educare alla convivenza civile e ad una relazione sensibile con la natura sono dimensioni che fondano l’identità stessa dei nostri progetti pedagogici e caratterizzano pertanto la qualità delle proposte formative che educatori e insegnanti elaborano quotidianamente all’interno dei servizi”.

TWEET

“Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”
pubbl.: 13 Novembre 2018 modif.: 20 Novembre 2018 - Ufficio Stampa

“Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”: dal 19 novembre una settimana di iniziative promosse dal Coordinamento pedagogico distrettuale di Correggio.

Martedì 20 novembre ricorre la “Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza” che ricorda la data, nel 1989, in cui l’ONU ha approvato la Convenzione dei Diritti dell’Infanzia, composta da 54 articoli. Quest’anno il Coordinamento pedagogico distrettuale di Correggio propone di ricordare la Convezione valorizzando l’articolo 29: “Gli Stati convengono che l’educazione del fanciullo deve avere come finalità: favorire lo sviluppo della personalità, delle sue facoltà e delle sue attitudini mentali e fisiche, in tutta la loro potenzialità; sviluppare il rispetto dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (…); sviluppare nel fanciullo il rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del paese nel quale vive, del paese da cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua; preparare il fanciullo ad assumere la responsabilità della vita in una società libera, in uno spirito di comprensione, di pace, di tolleranza, di uguaglianza tra i sessi e di amicizia tra tutti i popoli e gruppi etnici, nazionali e religiosi e delle persone di origine autoctona; sviluppare nel fanciullo il rispetto per l’ambiente naturale”.
Nella settimana dal 19 al 23 novembre, il nido d’infanzia “Girotondo”, la scuola dell’infanzia paritaria “Anita Bedogni Fontanesi”, la scuola dell’infanzia “Anselperga”, la scuola primaria “Vittoria Gandolfi” e la scuola secondaria di primo grado “Galilei” di Campagnola Emilia, i nidi d’infanzia “Gramsci”, “La Mongolfiera”, “Lamizzo Re” e “Pinocchio”, il centro di sperimentazione creativa “Le Corti” e la scuole dell’infanzia “Arcobaleno”, “Collodi”, “Ghidoni Mandriolo”, “Le Margherite” e “Gigi e Pupa Ferrari” di Correggio, il nido d’infanzia “Bolle di sapone”, la scuole dell’infanzia “27 febbraio”, la paritaria “Landini” e quella statale di Fabbrico, il nido d’infanzia “Girasole” di Rio Saliceto, il nido d’infanzia “Il Sorriso”, la scuola dell’infanzia “Sinfonia” e la paritaria “Don U. Borghi” di Rolo, il nido d’infanzia “Peter Pan”, la scuola dell’infanzia “Aurelia d’Este”, la paritaria “Regina Pacis”, la scuola primaria “De Amicis” e la scuola secondaria di primo grado “Allegri” di San Martino in Rio promuoveranno eventi, iniziative ed esperienze su questo tema, coinvolgendo bambini e famiglie.
“Ogni anno il Coordinamento pedagogico distrettuale, insieme alle realtà educative 0-6 anni del territorio, pone in primo piano uno o più articoli della Convenzione attraverso la realizzazione di eventi ed iniziative all’interno delle istituzioni educative del territorio”, commenta Ilaria Mussini, responsabile del Coordinamento pedagogico. “Ci sembra importante, quest’anno, sottolineare con forza l’importanza di alcuni valori che ritroviamo nell’articolo 29 quali la libertà, il rispetto delle differenze, la tolleranza e l’attenzione verso l’ambiente naturale. Educare alla convivenza civile e ad una relazione sensibile con la natura sono dimensioni che fondano l’identità stessa dei nostri progetti pedagogici e caratterizzano pertanto la qualità delle proposte formative che educatori e insegnanti elaborano quotidianamente all’interno dei servizi”.

TWEET