“Giornate Tondelli”: sabato 14 dicembre, a trent’anni dalla pubblicazione di “Camere separate”
pubbl.: 9 Dicembre 2019 - Ufficio Stampa

“Giornate Tondelli”: sabato 14 dicembre, a Correggio, a trent’anni dalla pubblicazione di “Camere separate”.

Ha come titolo “Non molto distante nel tempo”, l’edizione 2019 delle “Giornate Tondelli”, che si svolge sabato 14 dicembre, a Correggio, nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi. Sarà il trentennale dalla pubblicazione del capolavoro di Tondelli, “Camere separate”, a fare da filo conduttore ai vari incontri, che prenderanno il via al mattino, alle ore 9,30, con la 19esima edizione del “Seminario Tondelli”, un appuntamento riservato a giovani studiosi e appassionati, che hanno la possibilità di presentare al pubblico alcuni tra i più recenti studi e interventi critici sullo scrittore correggese. Coordinati da Gino Ruozzi, docente all’Università di Bologna, interverranno Olga Campofreda (University College London), Sara Lonardi (Università di Trento), Bruno Oliverio (Università di Torino), Lorenzo Pisaneschi (Università di Pisa), Matteo Arosio (Università di Milano), Pietro Salvatore Reina (IC Macerata 1), Stefania Balducci e Roberta Dell’Ali (Università di Bologna).
Nel pomeriggio, alle ore 15, Lorenza Pignatti, curatrice della mostra “Dilettanti geniali. Sperimentazioni artistiche degli Anni Ottanta”, racconta e illustra l’esposizione allestita a Bologna, all’Esprit Nouveau, fino al prossimo 5 gennaio 2020.
Alle 15,30, “Camere separate, trent’anni dopo. Legami: Handke-Tondelli e i pomeriggi dello scrittore”, a cura di Fulvio Panzeri, curatore dell’opera tondelliana.
A seguire, “Un’ostinata speranza: Delfini, D’Arzo, Tondelli”, intervento a cura di Gino Ruozzi, e “Tondelli. Letture”, presentazione del libro “La felicità delle immagini, il peso delle parole. Cinque esercizi di lettura di Moravia, Volponi, Celati, Pasolini, Calvino”, di Alessandra Sarchi, che ne discute con Giulio Iacoli.
Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero.

“I trent’anni dalla pubblicazione di “Camere separate”, considerato da molti il capolavoro di Pier Vittorio Tondelli, rappresenta un anniversario significativo che, nelle scorse settimane, è stato ricordato anche dalla stampa specializzata, con uno splendido articolo firmato da Gabriele Romagnoli e un’intervista a Luciano Ligabue pubblicate sul supplemento letterario di Repubblica”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Il lavoro svolto dal nostro Centro di Documentazione si rivela prezioso per studiosi e appassionati, come dimostrano, ogni anno, le numerose relazioni presentate in occasione del Seminario, segno tangibile della sempre crescente attenzione del mondo della critica e universitario nei confronti del lavoro di Tondelli. Inoltre, anche quest’anno non mancheranno a Correggio gli appuntamenti di approfondimento, che pongono l’attenzione sulla grande capacità che aveva Pier di creare legami, sia con artisti suoi contemporanei, sia inserendosi a pieno titolo, con le sue opere, nella migliore tradizione letteraria del nostro Paese. Come sempre, in questa occasione, devo ringraziare la famiglia Tondelli, che continua ad affiancarci nel lavoro di valorizzare della conoscenza dell’opera di Pier Vittorio e dell’enorme lascito culturale di cui siamo custodi”.

TWEET

“Giornate Tondelli”: sabato 14 dicembre, a trent’anni dalla pubblicazione di “Camere separate”
pubbl.: 9 Dicembre 2019 - Ufficio Stampa

“Giornate Tondelli”: sabato 14 dicembre, a Correggio, a trent’anni dalla pubblicazione di “Camere separate”.

Ha come titolo “Non molto distante nel tempo”, l’edizione 2019 delle “Giornate Tondelli”, che si svolge sabato 14 dicembre, a Correggio, nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi. Sarà il trentennale dalla pubblicazione del capolavoro di Tondelli, “Camere separate”, a fare da filo conduttore ai vari incontri, che prenderanno il via al mattino, alle ore 9,30, con la 19esima edizione del “Seminario Tondelli”, un appuntamento riservato a giovani studiosi e appassionati, che hanno la possibilità di presentare al pubblico alcuni tra i più recenti studi e interventi critici sullo scrittore correggese. Coordinati da Gino Ruozzi, docente all’Università di Bologna, interverranno Olga Campofreda (University College London), Sara Lonardi (Università di Trento), Bruno Oliverio (Università di Torino), Lorenzo Pisaneschi (Università di Pisa), Matteo Arosio (Università di Milano), Pietro Salvatore Reina (IC Macerata 1), Stefania Balducci e Roberta Dell’Ali (Università di Bologna).
Nel pomeriggio, alle ore 15, Lorenza Pignatti, curatrice della mostra “Dilettanti geniali. Sperimentazioni artistiche degli Anni Ottanta”, racconta e illustra l’esposizione allestita a Bologna, all’Esprit Nouveau, fino al prossimo 5 gennaio 2020.
Alle 15,30, “Camere separate, trent’anni dopo. Legami: Handke-Tondelli e i pomeriggi dello scrittore”, a cura di Fulvio Panzeri, curatore dell’opera tondelliana.
A seguire, “Un’ostinata speranza: Delfini, D’Arzo, Tondelli”, intervento a cura di Gino Ruozzi, e “Tondelli. Letture”, presentazione del libro “La felicità delle immagini, il peso delle parole. Cinque esercizi di lettura di Moravia, Volponi, Celati, Pasolini, Calvino”, di Alessandra Sarchi, che ne discute con Giulio Iacoli.
Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero.

“I trent’anni dalla pubblicazione di “Camere separate”, considerato da molti il capolavoro di Pier Vittorio Tondelli, rappresenta un anniversario significativo che, nelle scorse settimane, è stato ricordato anche dalla stampa specializzata, con uno splendido articolo firmato da Gabriele Romagnoli e un’intervista a Luciano Ligabue pubblicate sul supplemento letterario di Repubblica”, commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. “Il lavoro svolto dal nostro Centro di Documentazione si rivela prezioso per studiosi e appassionati, come dimostrano, ogni anno, le numerose relazioni presentate in occasione del Seminario, segno tangibile della sempre crescente attenzione del mondo della critica e universitario nei confronti del lavoro di Tondelli. Inoltre, anche quest’anno non mancheranno a Correggio gli appuntamenti di approfondimento, che pongono l’attenzione sulla grande capacità che aveva Pier di creare legami, sia con artisti suoi contemporanei, sia inserendosi a pieno titolo, con le sue opere, nella migliore tradizione letteraria del nostro Paese. Come sempre, in questa occasione, devo ringraziare la famiglia Tondelli, che continua ad affiancarci nel lavoro di valorizzare della conoscenza dell’opera di Pier Vittorio e dell’enorme lascito culturale di cui siamo custodi”.

TWEET