“Giorno del Dono”: sabato 5 ottobre a Correggio premiati i volontari e presentati i progetti di comunità
pubbl.: 2 Ottobre 2019 - Ufficio Stampa

“Giorno del Dono”: sabato 5 ottobre a Correggio premiati i volontari e presentati i progetti di comunità.

Appuntamento a Correggio nell’ambito del “Giorno del Dono”, iniziativa promossa a livello nazionale dall’Istituto Italiano della Donazione a seguito dell’istituzione della legge “Giorno del Dono” (il 4 ottobre di ogni anno), per valorizzare le esperienze quotidiane di dono e generosità, e a cui il Comune di Correggio aderisce fin dalla sua prima edizione, quattro anni fa.
Sabato 5 ottobre, alle ore 10,30, nella Sala consigliare del Municipio di Correggio, il sindaco Ilenia Malavasi, presenta i progetti di comunità e premia i gruppi di volontari che in questi anni si sono particolarmente distinti per la promozione di iniziative a sostegno di attività o progetti benefici.
Ospite dell’iniziativa sarà Edoardo Patriarca, già senatore e presidente dell’Istituto italiano della donazione (IID), uno dei promotori e degli artefici della legge istitutiva del “Giorno del Dono”.

“A Correggio abbiamo 131 associazioni – sociali, assistenziali, culturali e sportive – regolarmente iscritte al nostro Albo Comunale, testimonianza di un territorio generoso, ricco di solidarietà e capace di progettare sempre nuove iniziative a favore della comunità”, commenta Ilenia Malavasi. “Oltre a premiare i volontari e le associazioni per tutto il lavoro svolto, quest’anno vorremmo sottolineare il valore di progetti che intendono promuovere e costruire sempre più l’idea di una città solidale, che significa investire in ciò che viene definito ‘beni relazionali’, per una comunità aperta, accogliente, coesa, sicura e sana. Condividiamo in pieno gli obiettivi che hanno guidato l’istituzione del “Giorno del dono”, vale a dire offrire a tutti l’opportunità di acquisire una maggiore consapevolezza rispetto al contributo che le scelte e le attività di volontariato recano alla crescita dell’intera società”.

TWEET

“Giorno del Dono”: sabato 5 ottobre a Correggio premiati i volontari e presentati i progetti di comunità
pubbl.: 2 Ottobre 2019 - Ufficio Stampa

“Giorno del Dono”: sabato 5 ottobre a Correggio premiati i volontari e presentati i progetti di comunità.

Appuntamento a Correggio nell’ambito del “Giorno del Dono”, iniziativa promossa a livello nazionale dall’Istituto Italiano della Donazione a seguito dell’istituzione della legge “Giorno del Dono” (il 4 ottobre di ogni anno), per valorizzare le esperienze quotidiane di dono e generosità, e a cui il Comune di Correggio aderisce fin dalla sua prima edizione, quattro anni fa.
Sabato 5 ottobre, alle ore 10,30, nella Sala consigliare del Municipio di Correggio, il sindaco Ilenia Malavasi, presenta i progetti di comunità e premia i gruppi di volontari che in questi anni si sono particolarmente distinti per la promozione di iniziative a sostegno di attività o progetti benefici.
Ospite dell’iniziativa sarà Edoardo Patriarca, già senatore e presidente dell’Istituto italiano della donazione (IID), uno dei promotori e degli artefici della legge istitutiva del “Giorno del Dono”.

“A Correggio abbiamo 131 associazioni – sociali, assistenziali, culturali e sportive – regolarmente iscritte al nostro Albo Comunale, testimonianza di un territorio generoso, ricco di solidarietà e capace di progettare sempre nuove iniziative a favore della comunità”, commenta Ilenia Malavasi. “Oltre a premiare i volontari e le associazioni per tutto il lavoro svolto, quest’anno vorremmo sottolineare il valore di progetti che intendono promuovere e costruire sempre più l’idea di una città solidale, che significa investire in ciò che viene definito ‘beni relazionali’, per una comunità aperta, accogliente, coesa, sicura e sana. Condividiamo in pieno gli obiettivi che hanno guidato l’istituzione del “Giorno del dono”, vale a dire offrire a tutti l’opportunità di acquisire una maggiore consapevolezza rispetto al contributo che le scelte e le attività di volontariato recano alla crescita dell’intera società”.

TWEET