“Italia.zip”: Pierluigi Senatore e Mario Conte in un “test di comprensione e compressione del Belpaese”
pubbl.: 20 Marzo 2018 modif.: 3 Aprile 2018 - Ufficio Stampa

“Italia.zip”: Pierluigi Senatore e Mario Conte in un “test di comprensione e compressione del Belpaese”. Venerdì 23 marzo, ore 21, a Correggio.

Serata speciale – venerdì 23 marzo, ore 21, sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi – per “Nel Borgo”, il ciclo di presentazioni per ragionare insieme di attualità, storia, cultura, sport e spettacolo nel tentativo di dare alcune chiavi di lettura della società e del periodo storico in cui stiamo vivendo.
Ospiti dell’appuntamento il giornalista Pierluigi Senatore e il magistrato Mario Conte, autori del libro “Italia.zip – Test di comprensione e compressione del Belpaese”.
In “Italia.zip”, due amici, un giudice e un giornalista che risiedono a mille chilometri di distanza, uno al sud e l’altro al nord, si confrontano sulle rispettive realtà e sul futuro dell’Italia. Ne nasce così un libro che in parte è saggio, in parte è dialogo e confronto profondo tra due persone che, attraverso i loro lavori “sensibili”, vivono quotidianamente le contraddizioni, i pregiudizi, le migrazioni e le divisioni del nostro Belpaese.
A condurre la serata Ilenia Malavasi, sindaco di Correggio, e Flavio Tranquillo, giornalista Sky.
L’iniziativa rientra all’interno del percorso “Mappe narranti”.
L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Palermitano, classe 1967, Mario Conte è stato giudice dell’Udienza Preliminare (GUP) presso il tribunale di Palermo, dove oggi è consigliere della Corte d’Appello. È stato componente del collegio che ha giudicato nel marzo del 2013 Marcello Dell’Utri. Appassionato di sport, è diventato magistrato all’epoca delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Ha celebrato diversi processi di mafia, tra cui Eos2 e Addiopizzo Quater, da cui è nata l’idea di scrivere “I dieci passi”, con Flavio Tranquillo, da cui sono stati tratti un lavoro teatrale e un progetto sulla legalità che ha coinvolto gli studenti delle scuole superiori di Palermo. Da anni gira nelle scuole di tutta Italia per diffondere i temi della legalità e della sensibilizzazione ai veri valori dello sport.

Nato a Milano nel 1960, Pierluigi Senatore è giornalista professionista dal 1992. Ha diretto la testata giornalistica del network radiofonico regionale Radio Bruno Emilia-Romagna. Ha collaborato con numerose testate giornalistiche con servizi su Madagascar, Cambogia, Nicaragua, tra i profughi del Saharawi in Algeria, sulla guerra nella ex Jugoslavia e sulla tragedia di Chernobyl. È stato tra i fondatori, con Paolo Belli e altri artisti, della Onlus “Rock No War”. Nel 2017 è stato insignito del Premio Internazionale Verde Ambiente, assegnato a personalità italiane e internazionali impegnate a difesa dell’ambiente, dei diritti civili e sociali. Tra le sue pubblicazioni: “Corre La Pace” (Artestampa, 2005), “Niet Problema! Chernobyl 1986-2006” (Artestampa, 2006, con il fotoreporter Luigi Ottani) e ha partecipato con un saggio al libro “Ti ricordi Cernobyl?” (Infinito edizioni, 2006).

TWEET

“Italia.zip”: Pierluigi Senatore e Mario Conte in un “test di comprensione e compressione del Belpaese”
pubbl.: 20 Marzo 2018 modif.: 3 Aprile 2018 - Ufficio Stampa

“Italia.zip”: Pierluigi Senatore e Mario Conte in un “test di comprensione e compressione del Belpaese”. Venerdì 23 marzo, ore 21, a Correggio.

Serata speciale – venerdì 23 marzo, ore 21, sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi – per “Nel Borgo”, il ciclo di presentazioni per ragionare insieme di attualità, storia, cultura, sport e spettacolo nel tentativo di dare alcune chiavi di lettura della società e del periodo storico in cui stiamo vivendo.
Ospiti dell’appuntamento il giornalista Pierluigi Senatore e il magistrato Mario Conte, autori del libro “Italia.zip – Test di comprensione e compressione del Belpaese”.
In “Italia.zip”, due amici, un giudice e un giornalista che risiedono a mille chilometri di distanza, uno al sud e l’altro al nord, si confrontano sulle rispettive realtà e sul futuro dell’Italia. Ne nasce così un libro che in parte è saggio, in parte è dialogo e confronto profondo tra due persone che, attraverso i loro lavori “sensibili”, vivono quotidianamente le contraddizioni, i pregiudizi, le migrazioni e le divisioni del nostro Belpaese.
A condurre la serata Ilenia Malavasi, sindaco di Correggio, e Flavio Tranquillo, giornalista Sky.
L’iniziativa rientra all’interno del percorso “Mappe narranti”.
L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.

Palermitano, classe 1967, Mario Conte è stato giudice dell’Udienza Preliminare (GUP) presso il tribunale di Palermo, dove oggi è consigliere della Corte d’Appello. È stato componente del collegio che ha giudicato nel marzo del 2013 Marcello Dell’Utri. Appassionato di sport, è diventato magistrato all’epoca delle stragi di Capaci e via D’Amelio. Ha celebrato diversi processi di mafia, tra cui Eos2 e Addiopizzo Quater, da cui è nata l’idea di scrivere “I dieci passi”, con Flavio Tranquillo, da cui sono stati tratti un lavoro teatrale e un progetto sulla legalità che ha coinvolto gli studenti delle scuole superiori di Palermo. Da anni gira nelle scuole di tutta Italia per diffondere i temi della legalità e della sensibilizzazione ai veri valori dello sport.

Nato a Milano nel 1960, Pierluigi Senatore è giornalista professionista dal 1992. Ha diretto la testata giornalistica del network radiofonico regionale Radio Bruno Emilia-Romagna. Ha collaborato con numerose testate giornalistiche con servizi su Madagascar, Cambogia, Nicaragua, tra i profughi del Saharawi in Algeria, sulla guerra nella ex Jugoslavia e sulla tragedia di Chernobyl. È stato tra i fondatori, con Paolo Belli e altri artisti, della Onlus “Rock No War”. Nel 2017 è stato insignito del Premio Internazionale Verde Ambiente, assegnato a personalità italiane e internazionali impegnate a difesa dell’ambiente, dei diritti civili e sociali. Tra le sue pubblicazioni: “Corre La Pace” (Artestampa, 2005), “Niet Problema! Chernobyl 1986-2006” (Artestampa, 2006, con il fotoreporter Luigi Ottani) e ha partecipato con un saggio al libro “Ti ricordi Cernobyl?” (Infinito edizioni, 2006).

TWEET