Unione Pianura reggiana, l’impegno della Polizia Locale durante l’emergenza Covid19: oltre seimila telefonate in un mese e mezzo
pubbl.: 7 Maggio 2020 - Ufficio Stampa

Unione Pianura reggiana, l’impegno della Polizia Locale durante l’emergenza Covid19: oltre seimila telefonate ricevute dalla centrale operativa in un mese e mezzo.

L’emergenza sanitaria in atto ha significativamente cambiato anche il lavoro della Polizia Locale. In questi ultimi mesi, infatti, le attività si sono quasi esclusivamente concentrate nella vigilanza sull’osservanza delle prescrizioni disposte per contenere la diffusione del contagio, in particolare il controllo degli spostamenti e il rispetto da parte delle attività produttive delle normative in materia.
Le chiamate ricevute dalla Centrale Operativa hanno avuto una decisa impennata: dal 12 marzo a fine aprile, infatti, le chiamate sono state complessivamente 6.194 per una media di 134 al giorno, mentre lo scorso anno, nello stesso periodo, erano 2.959, con una media di 64 al giorno. La maggior parte delle chiamate sono state richieste di chiarimenti sulle norme, sulle possibilità di spostamento e di intervento per problematiche varie. Nonostante le misure contenitive del virus abbiano imposto una riduzione drastica degli spostamenti, anche durante l’ultimo mese si sono registrati alcuni incidenti stradali, fortunatamente senza conseguenze  gravi.
Gli operatori del Corpo di Polizia Locale, dallo scorso 12 marzo al 26 aprile hanno proceduto a controllare 2050 persone, elevando 78 sanzioni amministrative e denunciandone 18 per violazione delle normative di contrasto all’epidemia e altre 2 per reati diversi. Il numero complessivo di sopralluoghi negli esercizi commerciali è stato 6.678.
Gli operatori sono stati chiamati ad effettuare controlli mirati, spesso in condizioni di rischio, ma nessun turno è stato depotenziato e, anzi, durante le festività pasquali le pattuglie sono state raddoppiate.

“Ritengo che questi numeri siano lo specchio del grande impegno che è stato messo in campo dagli operatori del corpo di Polizia Locale della nostra Unione”, commenta Alessandro Santachiara, presidente dell’Unione Comuni Pianura Reggiana. “Un impegno notevole e sicuramente non previsto, ma che in ogni giornata dall’avvio di questa emergenza ha visto i nostri operatori presenti sul campo e negli uffici per rispondere ai cittadini ed essere l’interfaccia dei Comuni in ogni luogo. A tutti loro va il nostro riconoscimento rispetto all’impegno profuso quotidianamente, in modo particolare ora, in una situazione molto delicata”.

TWEET

Unione Pianura reggiana, l’impegno della Polizia Locale durante l’emergenza Covid19: oltre seimila telefonate in un mese e mezzo
pubbl.: 7 Maggio 2020 - Ufficio Stampa

Unione Pianura reggiana, l’impegno della Polizia Locale durante l’emergenza Covid19: oltre seimila telefonate ricevute dalla centrale operativa in un mese e mezzo.

L’emergenza sanitaria in atto ha significativamente cambiato anche il lavoro della Polizia Locale. In questi ultimi mesi, infatti, le attività si sono quasi esclusivamente concentrate nella vigilanza sull’osservanza delle prescrizioni disposte per contenere la diffusione del contagio, in particolare il controllo degli spostamenti e il rispetto da parte delle attività produttive delle normative in materia.
Le chiamate ricevute dalla Centrale Operativa hanno avuto una decisa impennata: dal 12 marzo a fine aprile, infatti, le chiamate sono state complessivamente 6.194 per una media di 134 al giorno, mentre lo scorso anno, nello stesso periodo, erano 2.959, con una media di 64 al giorno. La maggior parte delle chiamate sono state richieste di chiarimenti sulle norme, sulle possibilità di spostamento e di intervento per problematiche varie. Nonostante le misure contenitive del virus abbiano imposto una riduzione drastica degli spostamenti, anche durante l’ultimo mese si sono registrati alcuni incidenti stradali, fortunatamente senza conseguenze  gravi.
Gli operatori del Corpo di Polizia Locale, dallo scorso 12 marzo al 26 aprile hanno proceduto a controllare 2050 persone, elevando 78 sanzioni amministrative e denunciandone 18 per violazione delle normative di contrasto all’epidemia e altre 2 per reati diversi. Il numero complessivo di sopralluoghi negli esercizi commerciali è stato 6.678.
Gli operatori sono stati chiamati ad effettuare controlli mirati, spesso in condizioni di rischio, ma nessun turno è stato depotenziato e, anzi, durante le festività pasquali le pattuglie sono state raddoppiate.

“Ritengo che questi numeri siano lo specchio del grande impegno che è stato messo in campo dagli operatori del corpo di Polizia Locale della nostra Unione”, commenta Alessandro Santachiara, presidente dell’Unione Comuni Pianura Reggiana. “Un impegno notevole e sicuramente non previsto, ma che in ogni giornata dall’avvio di questa emergenza ha visto i nostri operatori presenti sul campo e negli uffici per rispondere ai cittadini ed essere l’interfaccia dei Comuni in ogni luogo. A tutti loro va il nostro riconoscimento rispetto all’impegno profuso quotidianamente, in modo particolare ora, in una situazione molto delicata”.

TWEET