“Via la maschera, bullo!”
pubbl.: 29 Settembre 2015 - Ufficio Stampa

via la maschera bulloVia la maschera, bullo!” è il titolo dello spettacolo teatrale che andrà in scena al Teatro Asioli di Correggio venerdì 9 ottobre, alle ore 9 (con replica alle ore 11).
Lo spettacolo, nato nell’ambito del progetto “No bulls be friends” promosso da Provincia di Reggio Emilia e sostenuto dall’Unione Province d’Italia e dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio, è realizzato dal Centro Teatrale Europeo “Etoile”, in collaborazione con l’associazione Pro.Di.Gio.
Il progetto – che ha coinvolto quasi 100 ragazzi degli Istituti “Galvani-Iodi” e “Zanelli” di Reggio Emilia, dell’Istituto “Carrara” di Guastalla e Novellara e del Convitto Nazionale “Corso” di Correggio – ha avuto come obiettivo analizzare e mettere in discussione il concetto di bullismo attraverso un percorso educativo e teatrale che ha consentito agli studenti coinvolti di trovare, nella dimensione del gioco drammatico, stimoli e motivazioni per comprendere il fenomeno. Le attività educative e teatrali sono state realizzate in ognuno dei quattro Istituti Superiori reggiani aderenti e hanno portato alla realizzazione dello spettacolo e alla produzione di un video che parteciperà a un concorso nazionale.
“Sul tema del bullismo nelle scuole siamo impegnati in varie forme”, commenta Ilenia Malavasi, vicepresidente della Provincia con delega alla scuola e sindaco di Correggio. “Da un lato, aiutando i ragazzi a utilizzare la loro creatività per trattare un argomento difficile e per fronteggiarlo. Dall’altro, aumentando il controllo e la sorveglianza, anche se crediamo che sia necessario affrontare le dinamiche che portano a questi comportamenti soprattutto sul piano culturale ed educativo. Il nostro impegno è quello di continuare a garantire supporto ai ragazzi, agli insegnanti, ai dirigenti scolastici e ai genitori per eliminare definitivamente uno dei comportamenti più a rischio durante l’adolescenza, che spesso è preludio di condotte più gravi anche all’esterno del mondo scolastico, che allarmano l’intera comunità”.
“Sono contenta di ospitare questo spettacolo a Correggio”, conclude il sindaco, “perché è l’occasione di far riflettere gli studenti su un tema impegnativo e a loro ben noto. Si tratta di un’ulteriore sollecitazione rivolta ai ragazzi, tramite uno spettacolo fatto in prima persona da coetanei che portano in scena le loro esperienze di vita. Non si tratta di un’azione isolata ma di un impegno costante della nostra amministrazione, nel sostegno agli sportelli di ascolto nelle scuole di ogni ordine e grado e nell’attivazione di un tavolo di lavoro permanente sulle politiche giovanili che si occupa di benessere e di disagio in età adolescenziale”.

TWEET

“Via la maschera, bullo!”
pubbl.: 29 Settembre 2015 - Ufficio Stampa

via la maschera bulloVia la maschera, bullo!” è il titolo dello spettacolo teatrale che andrà in scena al Teatro Asioli di Correggio venerdì 9 ottobre, alle ore 9 (con replica alle ore 11).
Lo spettacolo, nato nell’ambito del progetto “No bulls be friends” promosso da Provincia di Reggio Emilia e sostenuto dall’Unione Province d’Italia e dal Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio, è realizzato dal Centro Teatrale Europeo “Etoile”, in collaborazione con l’associazione Pro.Di.Gio.
Il progetto – che ha coinvolto quasi 100 ragazzi degli Istituti “Galvani-Iodi” e “Zanelli” di Reggio Emilia, dell’Istituto “Carrara” di Guastalla e Novellara e del Convitto Nazionale “Corso” di Correggio – ha avuto come obiettivo analizzare e mettere in discussione il concetto di bullismo attraverso un percorso educativo e teatrale che ha consentito agli studenti coinvolti di trovare, nella dimensione del gioco drammatico, stimoli e motivazioni per comprendere il fenomeno. Le attività educative e teatrali sono state realizzate in ognuno dei quattro Istituti Superiori reggiani aderenti e hanno portato alla realizzazione dello spettacolo e alla produzione di un video che parteciperà a un concorso nazionale.
“Sul tema del bullismo nelle scuole siamo impegnati in varie forme”, commenta Ilenia Malavasi, vicepresidente della Provincia con delega alla scuola e sindaco di Correggio. “Da un lato, aiutando i ragazzi a utilizzare la loro creatività per trattare un argomento difficile e per fronteggiarlo. Dall’altro, aumentando il controllo e la sorveglianza, anche se crediamo che sia necessario affrontare le dinamiche che portano a questi comportamenti soprattutto sul piano culturale ed educativo. Il nostro impegno è quello di continuare a garantire supporto ai ragazzi, agli insegnanti, ai dirigenti scolastici e ai genitori per eliminare definitivamente uno dei comportamenti più a rischio durante l’adolescenza, che spesso è preludio di condotte più gravi anche all’esterno del mondo scolastico, che allarmano l’intera comunità”.
“Sono contenta di ospitare questo spettacolo a Correggio”, conclude il sindaco, “perché è l’occasione di far riflettere gli studenti su un tema impegnativo e a loro ben noto. Si tratta di un’ulteriore sollecitazione rivolta ai ragazzi, tramite uno spettacolo fatto in prima persona da coetanei che portano in scena le loro esperienze di vita. Non si tratta di un’azione isolata ma di un impegno costante della nostra amministrazione, nel sostegno agli sportelli di ascolto nelle scuole di ogni ordine e grado e nell’attivazione di un tavolo di lavoro permanente sulle politiche giovanili che si occupa di benessere e di disagio in età adolescenziale”.

TWEET