Raccolta rifiuti e tariffazione puntale: il sindaco, “numerose le novità in campo per il 2019″
pubbl.: 4 Febbraio 2019 - Ufficio Stampa

Raccolta rifiuti e tariffazione puntale a Correggio, il sindaco: “Numerose le novità in campo per il 2019. Dal centrodestra critiche non supportate da dati concreti”.

Gestione dei rifiuti e sistema di tariffazione puntuale a Correggio: il sindaco, Ilenia Malavasi, interviene a seguito delle critiche infondate, espresse con molte inesattezze dal capogruppo consigliare di “Centrodestra per Correggio”, Gianluca Nicolini.
“Partiamo, come primo aspetto, da una notizia importante: nel 2019 non ci sarà alcun aumento per le famiglie rispetto al costo della tariffa rifiuti. Il Comune di Correggio ha superato l’86% di raccolta differenziata – passando dai 138 chili di rifiuti indifferenziati prodotti pro capite nel 2015 agli attuali 83 chili – risultato ottenuto grazie al percorso intrapreso da questa amministrazione comunale a partire dal 2016, con l’estensione su tutta la città del sistema di raccolta porta a porta. Come dimostrano proprio i dati presentati dalla “Rete Rifiuti Zero” nel corso della giornata a Poggio Renatico, alla quale siamo stati invitati a partecipare come “Comune virtuoso”, il sistema di raccolta porta a porta si sta dimostrando quello di gran lunga migliore e più efficiente per aumentare la quota di rifiuti differenziati: tra i 333 Comuni della Regione, infatti, quelli che ancora adottano il sistema “a calotta”, proposto da Nicolini, sono solo 22 e di questi nessuno si posiziona sotto i 100 chilogrammi di indifferenziato pro capite e solo 10 nella fascia tra 100 e 150 chili. È evidente come il sistema di raccolta incida sul risultato e quello “a calotta” è drasticamente meno efficace, tant’è vero che è stato abbandonato da quasi tutti i Comuni, compresi quelli che lo avevano in un primo momento adottato.
I risultati migliori sono stati invece ottenuti dai Comuni dove è presente sia la raccolta porta a porta sia la tariffazione puntuale, cosa che – come già illustrato durante gli otto incontri pubblici sul tema dei rifiuti svolti nello scorso autunno – entrerà in vigore anche a Correggio nel corso del 2019. La tariffa, che sarà calcolata sul numero di svuotamenti, tiene in considerazione il peso dei rifiuti prodotti, grazie ai rilevamenti effettuati nel corso del 2018: in base alla dimensione dei bidoncini in dotazione alle famiglie, verrà applicata una tariffa che terrà già conto del peso medio rilevato e, di conseguenza, questo sarà parametrato in euro/svuotamento senza alcuna fregatura. Inoltre, il tema dei pannolini – per bambini e adulti – è inesistente, dato che nel sistema di tariffazione puntuale queste categorie sono esentate dal calcolo, come peraltro avviene anche adesso e come già comunicato anche nel corso degli incontri pubblici.
Contestualmente alla tariffazione puntuale, inoltre, entrerà in funzione una speciale “Ecostation”, che sarà  installata davanti al Centro di Raccolta di via Pio La Torre. Tramite il tesserino fiscale della persona intestataria dell’utenza, i cittadini potranno conferire in qualsiasi momento i propri rifiuti indifferenziati, svuotamenti che, ovviamente, si vedranno calcolati puntualmente nella propria tariffa, ad eccezione delle esenzioni. Si tratta di un’ulteriore possibilità messa a disposizione dei cittadini, che offre una soluzione immediata a chi si trova nella necessità di svuotare rifiuti indifferenziati, oltre i normali passaggi di raccolta. All’Ecostation, inoltre, sarà possibile conferire gratuitamente anche i rifiuti organici.
Saranno, inoltre, previste agevolazioni e scontistiche direttamente al Centro di Raccolta per quanto riguarda il corretto conferimento di RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), olio esausto e batterie.
In questi anni, dunque, la nostra amministrazione si è impegnata a fondo sul tema della raccolta dei rifiuti, attuando quanto già proposto nel programma di mandato, per ridurre lo spreco di risorse e portando Correggio ai vertici di merito su raccolta differenziata e quota di residuo pro capite”.

 

TWEET

Raccolta rifiuti e tariffazione puntale: il sindaco, “numerose le novità in campo per il 2019″
pubbl.: 4 Febbraio 2019 - Ufficio Stampa

Raccolta rifiuti e tariffazione puntale a Correggio, il sindaco: “Numerose le novità in campo per il 2019. Dal centrodestra critiche non supportate da dati concreti”.

Gestione dei rifiuti e sistema di tariffazione puntuale a Correggio: il sindaco, Ilenia Malavasi, interviene a seguito delle critiche infondate, espresse con molte inesattezze dal capogruppo consigliare di “Centrodestra per Correggio”, Gianluca Nicolini.
“Partiamo, come primo aspetto, da una notizia importante: nel 2019 non ci sarà alcun aumento per le famiglie rispetto al costo della tariffa rifiuti. Il Comune di Correggio ha superato l’86% di raccolta differenziata – passando dai 138 chili di rifiuti indifferenziati prodotti pro capite nel 2015 agli attuali 83 chili – risultato ottenuto grazie al percorso intrapreso da questa amministrazione comunale a partire dal 2016, con l’estensione su tutta la città del sistema di raccolta porta a porta. Come dimostrano proprio i dati presentati dalla “Rete Rifiuti Zero” nel corso della giornata a Poggio Renatico, alla quale siamo stati invitati a partecipare come “Comune virtuoso”, il sistema di raccolta porta a porta si sta dimostrando quello di gran lunga migliore e più efficiente per aumentare la quota di rifiuti differenziati: tra i 333 Comuni della Regione, infatti, quelli che ancora adottano il sistema “a calotta”, proposto da Nicolini, sono solo 22 e di questi nessuno si posiziona sotto i 100 chilogrammi di indifferenziato pro capite e solo 10 nella fascia tra 100 e 150 chili. È evidente come il sistema di raccolta incida sul risultato e quello “a calotta” è drasticamente meno efficace, tant’è vero che è stato abbandonato da quasi tutti i Comuni, compresi quelli che lo avevano in un primo momento adottato.
I risultati migliori sono stati invece ottenuti dai Comuni dove è presente sia la raccolta porta a porta sia la tariffazione puntuale, cosa che – come già illustrato durante gli otto incontri pubblici sul tema dei rifiuti svolti nello scorso autunno – entrerà in vigore anche a Correggio nel corso del 2019. La tariffa, che sarà calcolata sul numero di svuotamenti, tiene in considerazione il peso dei rifiuti prodotti, grazie ai rilevamenti effettuati nel corso del 2018: in base alla dimensione dei bidoncini in dotazione alle famiglie, verrà applicata una tariffa che terrà già conto del peso medio rilevato e, di conseguenza, questo sarà parametrato in euro/svuotamento senza alcuna fregatura. Inoltre, il tema dei pannolini – per bambini e adulti – è inesistente, dato che nel sistema di tariffazione puntuale queste categorie sono esentate dal calcolo, come peraltro avviene anche adesso e come già comunicato anche nel corso degli incontri pubblici.
Contestualmente alla tariffazione puntuale, inoltre, entrerà in funzione una speciale “Ecostation”, che sarà  installata davanti al Centro di Raccolta di via Pio La Torre. Tramite il tesserino fiscale della persona intestataria dell’utenza, i cittadini potranno conferire in qualsiasi momento i propri rifiuti indifferenziati, svuotamenti che, ovviamente, si vedranno calcolati puntualmente nella propria tariffa, ad eccezione delle esenzioni. Si tratta di un’ulteriore possibilità messa a disposizione dei cittadini, che offre una soluzione immediata a chi si trova nella necessità di svuotare rifiuti indifferenziati, oltre i normali passaggi di raccolta. All’Ecostation, inoltre, sarà possibile conferire gratuitamente anche i rifiuti organici.
Saranno, inoltre, previste agevolazioni e scontistiche direttamente al Centro di Raccolta per quanto riguarda il corretto conferimento di RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche), olio esausto e batterie.
In questi anni, dunque, la nostra amministrazione si è impegnata a fondo sul tema della raccolta dei rifiuti, attuando quanto già proposto nel programma di mandato, per ridurre lo spreco di risorse e portando Correggio ai vertici di merito su raccolta differenziata e quota di residuo pro capite”.

 

TWEET