Sabato 2 aprile, “…Giù per terra”: le opportunità per il settore agricolo nel “Piano di sviluppo rurale” regionale
pubbl.: 30 Marzo 2016 modif.: 5 Aprile 2016 - Ufficio Stampa

Fare Lavoro Giù per TerraLe nuove opportunità e gli strumenti di crescita e innovazione nel settore agricolo sono gli argomenti al centro del “Piano di sviluppo rurale” promosso dalla Regione Emilia-Romagna e presentato a Correggio, sabato 2 aprile, alle ore 10,30, nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi.
L’iniziativa, dal titolo “… Giù per terra”, vede gli interventi del sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi, di Leana Pignedoli, vicepresidente della Commissione Agricoltura al Senato, Simona Caselli, assessore regionale all’agricoltura, e Carla Cavallini, responsabile di Europe Direct Emilia.
L’appuntamento conclude il calendario di “fareLAVORO”, gli incontri su impresa, occupazione, start up, possibilità e ricerca di lavoro, promosso dal Comune di Correggio nel corso del mese di marzo.
Il ciclo di iniziative che si è svolto con successo e partecipazione a giovani in cerca di occupazione o disoccupati in cerca di rilancio professionale, ha messo a disposizione informazioni chiare e precise rispetto alle opportunità lavorative, con l’obiettivo di stimolare la valutazione di alternative occupazionali interessanti, rafforzare le competenze trasversali e comunicare gli strumenti che il sistema locale mette a disposizione.
“Abbiamo deciso di dedicare un ultimo incontro alle opportunità in ambito agricolo perché la Regione Emilia-Romagna ha appena approvato un “Piano di sviluppo rurale” che mette in campo ingenti risorse”, sottolinea il sindaco, Ilenia Malavasi. “Questo rappresenta una possibile e notevole fonte di opportunità economiche per tutto il nostro territorio, sia per l’avvio di nuove imprese giovanili che per l’innovazione di attività già consolidate nel settore agroalimentare. Il Piano 2014-2020 mette infatti a disposizione complessivamente 1 miliardo e 190 milioni di euro che genereranno un valore rilevante per tutta la nostra economia rurale, compreso il tessuto economico correggese, il cui settore agricolo rappresenta il 21% di tutte le imprese presenti sul territorio comunale, con ben 562 aziende”.

TWEET

Sabato 2 aprile, “…Giù per terra”: le opportunità per il settore agricolo nel “Piano di sviluppo rurale” regionale
pubbl.: 30 Marzo 2016 modif.: 5 Aprile 2016 - Ufficio Stampa

Fare Lavoro Giù per TerraLe nuove opportunità e gli strumenti di crescita e innovazione nel settore agricolo sono gli argomenti al centro del “Piano di sviluppo rurale” promosso dalla Regione Emilia-Romagna e presentato a Correggio, sabato 2 aprile, alle ore 10,30, nella sala conferenze “A. Recordati” di Palazzo dei Principi.
L’iniziativa, dal titolo “… Giù per terra”, vede gli interventi del sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi, di Leana Pignedoli, vicepresidente della Commissione Agricoltura al Senato, Simona Caselli, assessore regionale all’agricoltura, e Carla Cavallini, responsabile di Europe Direct Emilia.
L’appuntamento conclude il calendario di “fareLAVORO”, gli incontri su impresa, occupazione, start up, possibilità e ricerca di lavoro, promosso dal Comune di Correggio nel corso del mese di marzo.
Il ciclo di iniziative che si è svolto con successo e partecipazione a giovani in cerca di occupazione o disoccupati in cerca di rilancio professionale, ha messo a disposizione informazioni chiare e precise rispetto alle opportunità lavorative, con l’obiettivo di stimolare la valutazione di alternative occupazionali interessanti, rafforzare le competenze trasversali e comunicare gli strumenti che il sistema locale mette a disposizione.
“Abbiamo deciso di dedicare un ultimo incontro alle opportunità in ambito agricolo perché la Regione Emilia-Romagna ha appena approvato un “Piano di sviluppo rurale” che mette in campo ingenti risorse”, sottolinea il sindaco, Ilenia Malavasi. “Questo rappresenta una possibile e notevole fonte di opportunità economiche per tutto il nostro territorio, sia per l’avvio di nuove imprese giovanili che per l’innovazione di attività già consolidate nel settore agroalimentare. Il Piano 2014-2020 mette infatti a disposizione complessivamente 1 miliardo e 190 milioni di euro che genereranno un valore rilevante per tutta la nostra economia rurale, compreso il tessuto economico correggese, il cui settore agricolo rappresenta il 21% di tutte le imprese presenti sul territorio comunale, con ben 562 aziende”.

TWEET